Mafia: il senatore Giarrusso chiede lo scioglimento del comune di Castellammare del Golfo

COMUNICATO STAMPA
GIARRUSSO: presentata interrogazione parlamentare per richiedere lo scioglimento del Comune di Castellammare del Golfo.
ROMA, 01 DIC 2020 – “È chiaro a tutti che a Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani, c’è una zona grigia e nessuno ne parla”. A dichiararlo è il senatore Mario Giarrusso. Si è assistito a diversi arresti di esponenti della famiglia mafiosa nell’ambito dell”operazione “Cutrara” per associazione di tipo mafioso, estorsione, furto, favoreggiamento, violazione della sorveglianza speciale e altro, tutti reati aggravati dal metodo mafioso. Ma c’è un tassello che sfugge all’opinione pubblica: la figura del Sindaco di Castellammare del Golfo, Nicola Rizzo dapprima accusato di concorso esterno in associazione mafiosa ed a conclusioni delle indagini resterebbe indagato per favoreggiamento reale con l’aggravante di cui all’art. 416 bis 1 e cioè di aver favorito l’associazione mafiosa. “Come componente della Commissione Antimafia – continua Giarrusso – insieme ad altri colleghi abbiamo presentato un’interrogazione in cui si chiede al Ministro dell’Interno Lamorgese se sia a conoscenza dei gravissimi fatti che riguardano il Comune di Castellamare del Golfo e se non intenda avviare la procedura di scioglimento dell’Ente”. È la richiesta contenuta nell’interrogazione parlamentare, a prima firma di Mario Giarrusso e dei senatori Gianluigi Paragone, Saverio De Bonis, Gregorio De Falco e Tiziana Drago.
Link interrogazione:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Stragi: la strana morte del Generale Niglio. Per il pentito fu ucciso

Mar Dic 1 , 2020
Il pentito: «Il generale Niglio fu ucciso». E la Dda riapre il caso Niglio, all’epoca comandante della Regione Sicilia, morì il 9 maggio 2004, due settimane dopo che la sua auto era uscita fuori strada lungo l’autostrada che collega Palermo con Catania. parlava di indagini su Provenzano e Messina Denaro, […]