Coronavirus, Prefetto di Messina contesta apertura domenicale supermercati, Sindaco De Luca: “Non accetto imposizioni, se vuole mi revochi dal mio ruolo”

Con una missiva inviata al Prefetto, dott.ssa Maria Carmela Librizzi, il Sindaco di Messina, on. Cateno De Luca contesta la decisione presa in violazione dell’ordinanza sindacale n. 61 del 13/3/2020 e del DPCM 9/3/2020 e 11/3/2020 in favore dell’Ordinanza del Presidente della Regione Siciliana n. 6 del 19/3/2020, in merito alla chiusura domenicale dei punti vendita di generi alimentari.


“Mi prendo la responsabilità nell’esprimere la mia assoluta contrarietà su ciò che sta avvenendo in queste ore. Non mi sarei mai aspettato che mi venisse ingiunto di revocare la mia Ordinanza, che è conforme al dettato normativo statale, in favore di una Ordinanza regionale che non solo è in contrasto con le disposizioni nazionali, ma che ha creato immediatamente caos e generato fenomeni di assembramento, inducendo il prevedibile timore nei cittadini di restare senza scorte alimentari. E dire che anche ieri notte, alle ore 23:00 circa, lo stesso Presidente del Consiglio dei Ministri ha introdotto la sua dichiarazione precisando che i punti vendita di generi alimentari ‘devono restare aperti’, senza limitazioni di giorni, proprio per evitare i fenomeni sopra denunciati”. Così afferma il sindaco metropolitano, on. Cateno De Luca.


“Ricordo al Prefetto – continua il Primo cittadino – che quando si è chiesto al Sindaco di Messina di revocare l’Ordinanza n. 60 per una pretesa contrarietà con le norme del DPCM 11/3/2020, lo stesso ha risposto con prontezza, accettando la richiesta in nome di una collaborazione istituzionale, pur restando convinto della legittimità del proprio operato. Ricordo altresì che l’ordinanza n. 60 prevedeva già la chiusura di tutte le attività commerciali, eccezione fatta per quelle di prima necessità. La stessa, a seguito delle restrizioni cautelative in essa incluse è stata contestata dal Viminale, per tramite del Prefetto e dunque modificata, salvo poi scoprire che a distanza di giorni il Governo ne avrebbe adottato diversi punti. Trovo pertanto inaccettabile che quando il Presidente della Regione Siciliana emette un’ordinanza che va in contrasto con il DPCM, il Prefetto ritiene lecito farla rispettare, intimando al Sindaco di revocare la propria ordinanza – che ripeto essere conforme all’attuale DPCM – per adeguarsi ad un’ordinanza regionale in contrasto con norme nazionali. Come funziona, che quando in contrasto al DPCM c’è il sindaco di Messina, si obbliga alla revoca della propria ordinanza, mentre quando c’è di mezzo il Presidente Musumeci, la sua ordinanza in contrasto con disposizioni nazionali è legittima?”.

“Prefetto, questo gioco non mi piace – conclude il Sindaco peloritano – e se come già mi stanno dicendo, ci sono le forze dell’ordine presso i supermercati che stanno denunciando gli esercenti per la violazione dell’ordinanza Presidenziale ai sensi dell’art. 650 c.p., sappia che difenderò in tutte le sedi la mia pozione e quella di queste persone che hanno seguito il Sindaco ed il Presidente del Consiglio. Non perda più tempo a cercarmi con sgradevoli telefonate perché non abbiamo più nulla da dirci. Se vuole avvii pure il procedimento di rimozione del sindaco De Luca, ma non mi cerchi più”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Coronavirus. Pasqua (M5S): Laboratori per analisi tamponi al collasso in Sicilia. La Regione utilizzi quelli delle ASP

Dom Mar 22 , 2020
Il capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars denuncia: “I 40 sanitari ospedale di Augusta a contatto con un paziente deceduto sono senza esito del tampone da oltre 10 giorni. OK tamponi a tappeto ma mancano i laboratori per analizzarli. La soluzione c’è, Razza si adoperi”.    Palermo 22 marzo 2020 […]