Umbria, l’80% dei fondi per la ricostruzione di Norcia alle aziende del candidato Pd-M5s

 Un candidato disinteressato. Quando gli imprenditori vicini al Pd non si toccano

Quasi sei milioni per gli hotel da ristrutturare. Più due milioni e mezzo per gare e affidamenti nei servizi mensa dei moduli abitativi. Non manca il trasporto scolastico. Ecco come e quanto il gruppo alberghiero della famiglia Bianconi attinge ai fondi pubblici per la ricostruzione di Norcia. In base ai dati forniti dal Comune si stima che oltre l’80% degli euro transitati nella città di San Benedetto per le attività ricettive dopo il terremoto di tre anni fa è andato alle aziende che fanno capo all’imprenditore Vincenzo, candidato alla presidenza della Regione per Pd e Cinquestelle”.

Lo riporta oggi il quotidiano ‘Corriere dell’Umbria’ diretto da Davide Vecchi.

“Date e cifre arrivano dal sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, FI. Lo stesso che Bianconi ha appoggiato in campagna elettorale. Alemanno il 30 settembre ha risposto in consiglio comunale a una interrogazione del gruppo di opposizione di area Pd (Noi per Norcia), presentata il 19 agosto, – continua il quotidiano – in cui si è chiesto conto dello stato dell’arte nella ricostruzione negli alberghi. I piddini hanno citato un’intervista di Bianconi, l’allora presidente di Federalberghi, che minacciava di andare via da Norcia per salvare le sue attività vittime delle lungaggini burocratiche”.

Lascia un commento

Next Post

Nino Di Matteo e Antonio D'Amato eletti consiglieri del Csm

Mer Ott 9 , 2019
Sono Antonio D’Amato e Nino Di Matteo i due pm eletti al Consiglio superiore della magistratura. D’Amato, procuratore aggiunto a Santa Maria Capua Vetere – candidato dalla corrente moderata Magistratura Indipendente – ha avuto 1460 voti, mentre Di Matteo, pm del processo sulla trattativa Stato-mafia e ora sostituto alla Dna, […]