Nino Di Matteo e Antonio D’Amato eletti consiglieri del Csm

Sono Antonio D’Amato e Nino Di Matteo i due pm eletti al Consiglio superiore della magistratura. D’Amato, procuratore aggiunto a Santa Maria Capua Vetere – candidato dalla corrente moderata Magistratura Indipendente – ha avuto 1460 voti, mentre Di Matteo, pm del processo sulla trattativa Stato-mafia e ora sostituto alla Dna, indipendente ma vicino ad Autonomia&Indipendenza ne ha ottenuti 1184.

D’Amato e Di Matteo sostituiscono a Palazzo dei Marescialli i due togati Antonio Lepre e Luigi Spina, che si sono dimessi dopo lo scandalo che ha travolto il Csm per i fatti emersi dall’inchiesta di Perugia.

Lascia un commento

Next Post

"La riduzione del numero dei parlamentari, una vecchia ipotesi del PCI."di on. Agostino Spataro

Mer Ott 9 , 2019
LA RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI E’ UNA IPOTESI MATURATA NEL PCI NEGLI ANNI ’80. E non fu pensata per “risparmiare” – scrive l’on. Agostino Stataro – ma soprattutto per armonizzare e rendere più funzionali i diversi livelli legislativi e amministrativi del nostro Paese. Per questo la riproposi nel 2012…. Ieri é […]