Talpe del boss Messina Denaro: i Carabinieri arrestati si difendono davanti al Gip

“Talpe nell’indagine sul latitante”
I carabinieri rispondono al Gip

Si è avvalso della facoltà di non rispondere l’ex sindaco di Castelvetrano, Antonino Vaccarino.

PALERMO – I carabinieri rispondono al giudice, mentre Antonino Vaccarino sceglie di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Alfio Marco Zappalà e Giuseppe Barcellona sono i due militari arrestati con l’accusa, a vario titolo, di rivelazione di notizie riservate e accesso abusivo al sistema informatico.

L’ufficiale dei Carabinieri Zappalà , nelle dichiarazioni rese al Gip ,coinvolge i Pm di Caltanissetta

Barcellona avrebbe ammesso davanti al giudice per le indagini preliminari Piergiorgio Morosini di avere consegnato al suo ex superiore Zappalà – entrambi erano stati anni fa in servizio a Palermo –  il verbale con la trascrizione di una conversazione fra due personaggi legati alla mafia trapanese.

Barcellona, in servizio al Nucleo di Castelvetrano, addetto all’ascolto e alla trascrizione nell’ambito delle indagini sulla ricerca di Matteo Messina Denaro, avrebbe ammesso la contestazione, ma non credeva ce ci fosse qualcosa di anomalo.

Le parole di Zappalà, tenente colonnello della Dia di Caltanissetta, qualora la sua versione venisse confermata, renderebbero la faccenda ancora più complicata. Zappalà ha passato la trascrizione a Vaccarino che l’avrebbe girata al boss Vincenzo Santangelo. Zappalà, invece, si sarebbe mosso perché era stato delegato dalla Procura di Caltanissetta nell’ambio delle indagini sulle stragi del ’92. Matteo Messina Denaro è  imputato davanti alla Corte di assise nissena. Una cosa sono le stragi, un’altra la ricerca del latitante, la cui competenza è della Direzione distrettuale antimafia palermitana. Zappalà non poteva avere alcuna copertura. La versione dell’ufficiale non ha convinto i magistrati.

Fonte: Live Sicilia

condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Alla Regione spuntano nuovi debiti: Musumeci chiede aiuto a Roma

Mer Apr 17 , 2019
Spuntano nuovi debiti alla Regione, Musumeci: “Roma ci permetta di pagare in 10 anni” ‘Ieri abbiamo appreso che Riscossione Sicilia ha un debito solo con Montepaschi di 230 milioni di euro, la banca bussa e vuole i soldi mentre dall’Agenzia delle Entrate non arrivano segnali’. A rivelarlo è stato il presidente della Regione siciliana, Nello […]