Conte insiste su eurobond e attacca Salvini e Meloni

La proroga delle misure di contenimento fino al 3 maggio, ma anche la trattativa in Ue per gli Eurobond e un durissimo attacco in diretta nazionale alle opposizioni. Nuova conferenza stampa nel tardo pomeriggio di ieri per Giuseppe Conte, che dopo aver illustrato le nuove disposizioni del governo in tema di emergenza coronavirus, ha accusato, facendo “stavolta nomi e cognomi”, i leader Giorgia Meloni e Matteo Salvini di aver diffuso “falsità e menzogne” riguardo al Mes e alla lotta in corso in Ue.

MISURE – “Abbiamo appena predisposto un nuovo dpcm con cui proroghiamo le misure restrittive fino al 3 maggio”, annuncia Conte. “Una decisione difficile ma necessaria, di cui mi assumo ogni responsabilità politica. E’ una decisione che ho assunto dopo diversi incontri con ministri, esperti del comitato tecnico-scientifico, regioni, province, comuni, sindacati, industrie, associazioni di categoria. Il comitato tecnico scientifico ci ha dato una conferma, i segnali della curva epidemiologica sono incoraggianti. Le misure di contenimento stanno dando frutti, stanno funzionando”, aggiunge Conte. “Non possiamo vanificare gli sforzi sin qui compiuti: se cedessimo ora, rischieremmo di perdere tutti i risultati positivi e dovremmo ripartire dall’inizio. Dobbiamo mantenere alta la soglia dell’attenzione, anche ora che siamo prossimi alla Pasqua. Dobbiamo farlo anche per i ponti del 25 aprile e del primo maggio. Siamo tutti impazienti di ripartire, l’auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e gradualità. Dipenderà dal nostro comportamento, dobbiamo continuare a rispettare le regole”, afferma il presidente del Consiglio.

Fonte: ADN KRONOS

Lascia un commento

Next Post

Quell'l'antimafia con la memoria corta e l'uso strumentale della mafia contro l'Italia

Sab Apr 11 , 2020
 Non ci si meravigli dell’uso strumentale da parte dei paesi esteri della mafia nei confronti dell’Italia. Per decenni,( e non per colpa dei movimenti populisti), forze politiche tradizionali, hanno usato l’antimafia per consolidare posizioni politiche e di potere. In Sicilia, l’esempio più evidente viene dal sistema Montante. L’ex presidente  di […]