Genova: arrestato per estorsione Il ” pentito” castelvetranese , Vincenzo Calcara

Estorsione: arrestato a Genova l’ex pentito Vincenzo Calcara
Da collaboratore di giustizia aveva accusato l’ex sindaco di Castelvetrano Antonino Vaccarino e altri che finirono nell’operazione Palma del 1992 . calcara , per quella vicenda è stato più volte scnfessato dalle sentenze.
La notizia dell’arresto  è stata diffusa dal TGR della Liguria che ha pubblicato  il fatto di cronaca

E’ finito nei guai, Calcara,  per non pagare il pranzo e per avere chiesto pure soldi in cambio del silenzio al ristoratore.Un atteggiamento che non ha intimorito i titolari del locale

Una estorsione sui generis quella che sarebbe stata commessa dall’ex pentito di mafia Vincenzo Calcara, 63 anni, originario di Castelvetrano.

Lo scorso fine settimana, l’ex collaboratore di giustizia – balzato agli onori della cronaca nei primi anni Novanta perchè raccontò di essere stato incaricato di uccidere con un fucile Paolo Borsellino – è tornato di nuovo in carcere e con un episodio davvero strano.

Questa volta, è stato arrestato dalla polizia di Genova perchè accusato di una estorsione compiuta con un complice 24enne. I due prima avrebbe filmato col cellulare un topo che entrava dentro il dehor di un ristorante con l’intento di creare l’occasione di ricatto. Poi, dopo alcuni minuti, insieme al suo complice, si è presentato dal titolare e avrebbe chiesto un pranzo gratis in cambio della distruzione del video che riportava l’immagine “pericolosa” per il titolare.

Il gestore, con molta freddezza, li ha invitati a tornare l’indomani. E loro, a pranzo, si sono presentati: hanno mangiato e alla fine hanno chiesto pure una mazzetta. Il giovane ha messo in una busta 150 euro che però non sono bastati.A quel punto è intervenuto lo zio del giovane, socio del ristorante, che ha chiamato la polizia.Per loro è scattato l’arresto perché bloccati con in mano la busta con i soldi. IN pratica, Calcara pensava di intimorire il gestore con il classico metodo della denuncia per interesse e tornaconto personale. questa volta gli è andata male. La polizia di Genova , non si è fatta incantare

Fonte: Rai

Lascia un commento

Next Post

Borsellino ammazzato anche dalle bugie: I depistaggi erano frutto di strategia .Scarantino non si doveva smentire :pena la gogna

Mar Gen 28 , 2020
Falso pentito Scarantino, i Pm e le fantasie su chi metteva in dubbio la sua attendibilità Non lo sapevamo, ma dopo l’uccisione di Paolo Borsellino e dopo l’arresto di Enzo Scarantino, il falso pentito esibito come trofeo aureo e portatore dell’unica verità sulla strage, era stata costituita una “sovrastruttura”, composta […]