Palermo: mazzette su eolico, Nicastri patteggia la pena di 2 anni e 10 mesi

L’inchiesta è quella del giro di tangenti alla Regione Siciliana in cui erano rimasti coinvolti anche il figlio di Nicastri e il faccendiere Paolo Arata

PALERMO – Il «re dell’eolico», l’imprenditore Vito Nicastri, già condannato per concorso in associazione mafiosa, e ritenuto uno dei finanziatori della latitanza del capomafia Matteo Messina Denaro, ha patteggiato una condanna a due anni e 10 mesi per corruzione e intestazione fittizia di beni davanti al tribunale di Palermo. I giudici gli hanno riconosciuto la circostanza attenuante della collaborazione con la giustizia. Il figlio Manlio, che risponde degli stessi reati, ha invece patteggiato una condanna a due anni.

Nicastri, tornato in cella mesi fa nell’ambito di una inchiesta su un giro di mazzette alla Regione siciliana che ha coinvolto anche il faccendiere Paolo Arata, aveva provato a patteggiare davanti al gup la pena di 2 anni e nove mesi. La Procura aveva espresso parere favorevole, ma il gup, ritenendo le accuse a suo carico di «massima gravità», aveva ritenuto la pena non congrua e rigettato l’istanza.
Il processo nasce dall’inchiesta che coinvolse il professore genovese e consulente della Lega Paolo Arata, Nicastri senior, il ‘re del vento’ in affari con la mafia, i rispettivi figli, l’imprenditore Antonello Barbieri e il dirigente regionale Alberto Tinnirello, approdato al Genio civile dopo essere stato responsabile del Servizio III autorizzazioni e concessioni dell’assessorato regionale all’Energia.

Restano separate le posizione dell’altro dipendente regionale, Giacomo Causarano, e del figlio di Paolo Arata, Francesco, che hanno scelto il rito abbreviato.

Lascia un commento

Next Post

Giornata internazionale della solidarietà umana

Mer Dic 18 , 2019
Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani, in occasione della Giornata internazionale della solidarietà umana (20 dicembre), istituita nel 2005 dalle Nazioni Unite, in coincidenza con la nascita del Fondo di solidarietà mondiale, avvenuta il 20 dicembre 2002, e delle imminenti festività natalizie, intende soffermarsi sull’importanza dei valori […]