Nuovo Governo al via: pazienti oncologici e oncoematologici chiedono confronto immediato per trasformare i punti dell’Accordo di legislatura in azioni concrete

Le 25 Associazioni pazienti del progetto “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”

 richiedono l’attenzione del nuovo Governo e del neo Ministro della Salute Roberto Speranza

per aprire un tavolo di confronto operativo sui punti sollevati dall’Accordo di Legislatura,

siglato da tutti i partiti politici e recepito integralmente e all’unanimità da tutto il Parlamento.

 

Roma, 6 settembre 2019 – Le Associazioni pazienti del progetto “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” accolgono il nuovo Governo, guidato ancora da Giuseppe Conte, e il nuovo Ministro della Salute Roberto Speranza, con la richiesta immediata di confrontarsi in merito ai punti chiave dell’Accordo di Legislatura sulla presa in carico e la cura dei pazienti oncologici e onco-ematologici sottoscritto dai partiti politici, che è stato recepito integralmente e all’unanimità sia dalla Camera che dal Senato.

Quello che chiediamo al nuovo Governo e al neo Ministro Roberto Speranza – dichiara Annamaria Mancuso, Presidente di Salute Donna Onlus e coordinatrice del progetto – è di inserire da subito tra le priorità della loro agenda le molte criticità della Sanità nazionale e regionale, alla base di gravi diseguaglianze sul territorio nell’assistenza e cura dei pazienti, in particolare quelli oncologici e oncoematologici. Auspichiamo, forti dell’appoggio di tutto il Parlamento che ha recepito all’unanimità i punti del nostro Accordo di legislatura, di poter instaurare quanto prima un tavolo operativo e cominciare a lavorare per tutelare i diritti e la salute dei pazienti”.

L’accordo è stato sottoscritto da rappresentanti di tutti i partiti e recepito nel corso di quest’anno da ben 5 atti di indirizzo politico approvati all’unanimità dalle aule di Camera e Senato (Ordine del Giorno Unitario Romeo, Mozioni Lazzarini, Pedrazzini, Siani e Lorenzin). Ora occorre lavorare giorno per giorno sui punti dell’Accordo, con attenzione e tenendo bene a mente i vincoli della sostenibilità del sistema: è necessario passare all’operatività per trasformare gli atti di indirizzo politico in azioni concrete.

Il progetto “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” dal 2014 ad oggi è riuscito nell’intento di mettere d’accordo tutti i colori politici, attraverso due legislature e altrettanti Intergruppi parlamentari, che hanno lavorato molto per portare avanti le istanze dei pazienti oncologici e oncoematologici. Le Associazioni del progetto credono fortemente nell’impegno della politica per la salute di tutti, tanto da istituire un riconoscimento unico nel suo genere, il Cancer Policy Award.

L’interessamento da parte di molti politici nei confronti del cancro ci ha convinti che la buona politica esiste e che debba ottenere un riconoscimento simbolico al fine di evidenziare questo sforzo così rilevante – spiega Annamaria Mancusoabbiamo così deciso di istituire un premio chiamato Cancer Policy Award: un riconoscimento che, grazie ad una giuria di esperti a diverso titolo sulla patologia, possa essere assegnato a quei politici che meglio hanno interpretato il portato del nostro accordo di legislatura, dando una risposta concreta alle necessità dei malati attraverso la presentazione di atti a livello nazionale e regionale”.

Roberto Speranza nel 2018 aveva presentato un disegno di legge sui temi di finanziamento del SSN, incremento del personale medico e abolizione del superticket. Un impegno già avviato, dunque, nelle politiche sanitarie, che si spera possa guidare il suo operato nella gestione e possibile risoluzione delle criticità della Sanità italiana. Nell’augurare buon lavoro al nuovo Ministro, le Associazioni pazienti e la Commissione tecnico-scientifica del progetto salutano e ringraziano Giulia Grillo, Ministro uscente, per il lavoro svolto.

 

Il progetto

“La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” è un progetto di advocacy politico-istituzionale nato nel 2014 su iniziativa di Salute Donna Onlus allo scopo di contribuire al miglioramento dell’assistenza e cura dei pazienti oncologici, caratterizzate da ritardi e gravi disparità a livello regionale.

 

Le Associazioni di pazienti oncologici e onco-ematologici che supportano il progetto sono:

  • aBRCAdaBRA onlus – Tumore ereditario al seno
  • I.NET Vivere La Speranza onlus – Amici di Emanuele Cicio
  • Alleanza Contro il Tumore Ovarico (ACTO onlus)
  • L’albero delle molte vite
  • L’Arcobaleno della Speranza Onlus
  • Associazione Italiana Tumori Stromali Gastro-intestinali (A.I.G. onlus)
  • Associazione Italiana dei Pazienti con Sindrome Mielodisplastica ONLUS (AIPaSiM)
  • Associazione Italiana per lo Studio e la Cura del Paziente Oncologico (AISCUP)
  • Associazione Pazienti Italia Melanoma (APAIM)
  • Associazione Riuniti Calabria Oncologia (ARCO)
  • Associazione Arlenika onlus
  • Associazione Siciliana Sostegno Oncologico (A.S.S.O. onlus)
  • Associazione Schirinzi A. Mario
  • Associazione S.P.R.IN.T. Onlus
  • ESA – Educazione alla Salute Attiva
  • Gruppo Abbracciamo un sogno
  • Gruppo AIL Pazienti Leucemia Mieloide Cronica
  • Gruppo AIL Pazienti Malattie Mieloproliferative Philadelphia negative
  • Nastro Viola – Per vincere il cancro al pancreas
  • Associazione Italiana Pazienti con Tumori Neuroendocrini (NET Italy onlus)
  • Officine Buone
  • Salute Uomo – Associazione per la prevenzione e lotta ai tumori maschili
  • Uì Together
  • Women Against Lung Cancer in Europe (WALCE onlus)

Vedi Accordo di legislatura

condividi su:

Lascia un commento

Next Post

Regione, l'assessore Pierobon: al fianco dei Comuni per risolvere i problemi della servizio idrico

Ven Set 6 , 2019
La Regione sosterrà i Comuni nella piena attuazione della legge sulla gestione del servizio idrico. Il governo Musumeci intende offrire supporto tecnico e finanziario per consentire agli enti locali di superare le criticità che fino ad oggi hanno rallentato questo percorso. È l’impegno preso dall’assessore regionale all’Energia e servizi di […]