La mafia delle pale eoliche, Nicastri collabora con i magistrati , scattano due arresti

Mazzette all’assessorato energia, Il ‘re dell’eolico’ Vito Nicastri collabora con i magistrati

Le sue dichiarazioni potrebbero aprire gli inquietanti scenari che collegano alla Regione, mafia, appalti, politici e burocrati. Molte autorizzazioni per le pale eoliche furono date anche durante il Governo Crocetta

Sta collaborando con i pm di Palermo Vito Nicastri, imprenditore alcamese delle energie rinnovabili, ritenuto tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro, finito al centro di una inchiesta su un giro di mazzette che coinvolge anche il consulente della Lega Paolo Arata.

Proprio oggi nell’ambito dell’inchiesta che coinvolge anche il faccendiere Francesco Paolo Arata sono scattati nuovi arresti di un imprenditore e di un funzionario regionale entrambi adesso ai domiciliari

Si chiama Giacomo Causarano, è l’ennesimo funzionario regionale che finisce indagato nell’inchiesta sulla mazzetta all’assessorato regionale all’energia. E’ accusato di aver favorito gli affari di Francesco Paolo Arata, l’ex consulente per il programma del ministro Salvini che secondo la procura era in società con Vito Nicastri, il “re” dell’eolico ritenuto ai clan. Per Causarano sono scattati questa mattina gli arresti domiciliari

Complessivamente gli investigatori della Dia di Trapani hanno notificato oggi due provvedimenti di domiciliari, il secondo riguarda l’imprenditore milanese Antonello Barbieri.

C

L’accusa mossa dal procuratore aggiunto di Palermo Paolo Guido e dal sostituto Gianluca De Leo nei confronti di Causarano è di corruzione per aver indirizzato le scelte regionali in alcune pratiche relative agli affari di Arata e Nicastri.
Read more at https://www.blogsicilia.it/palermo/mazzette-allassessorato-regionale-energia-in-manette-un-altro-funzionario/489597/#8zIYixrOX6w6h2CK.99

Nicastri era finito nelle inchieste della magistratura trapanese per aver trasferito una parte consistente dei suoi profitti alla Cosca di Matteo messina Denaro. Di questa vicenda parla il pentito Lorenzo Cimarosa.

“Mi ha detto che praticamente erano i soldi dell’impianto di… di quello degli impianti eolici di Alcamo, e che c’erano stati problemi perché aveva tutte cose sequestrate e i soldi tutti insieme non glieli poteva dare, perciò glieli avrebbe dati in tante tranches” disse il collaboratore di Castelvetrano, poi deceduto, agli investigatori parlando dei soldi fatti avere al boss proprio dall’imprenditore dell’eolico Vito Nicastri. I soldi sarebbero stati messi in una borsa e fatti avere in vari passaggi a Messina Denaro a cui li avrebbe materialmente consegnati Francesco Guttadauro, parente del padrino di Castelvetrano.


Read more at https://www.blogsicilia.it/palermo/mazzette-allassessorato-energia-il-re-delleolico-vito-nicastri-collabora-coi-magistrati/489602/#95EmbQIyyTcvI2jb.99

Lascia un commento

Next Post

Antonello Nicosia, Direttore dell’osservatorio internazionale dei diritti umani, scrive a Carola Rackete

Lun Lug 1 , 2019
n.d.r “Non sempre si può pubblicare quello che piace, sarebbe troppo facile, e non sempre si può essere d’accordo con quanto scritto nei comunicati che ci pervengono in questa redazione ma per correttezza pubblichiamo il comunicato dell’OIDU che ci hanno inviato oggi.” ________________________________________________________ Osservatorio Internazionale dei Diritti Umani ONLUS ________________________________________________________ […]