Depistaggio via D’amelio. Lo sfogo di Fiammetta Borsellino: “Dal CSM nessuna risposta, ma il 23 maggio tutti presenti”

CALTANISSETTA – “E’ inammissibile che tutto questo sia successo sotto gli occhi di poliziotti e magistrati. Ritengo che oggi il non accertamento delle responsabilità anche da parte degli organi superiori della magistratura sia l’ennesima non risposta a tutto quello che è accaduto. Sicuramente il 23 maggio e il 19 luglio saranno, invece, tutti presenti alle commemorazioni”. E’ la denuncia di Fiammetta Borsellino, la figlia minore di Paolo Borsellino, durante una pausa del processo per il depistaggio sulle indagini per la strage di Via D’Amelio a Caltanissetta. Oggi depone l’ex pentito Vincenzo Scarantino. “Perché oggi stiamo partecipando a un segmento dell’accertamento delle responsibilità sul piano giudiziario di tre poliziotti ma è chiaro che ci sono responsabilità più ad alti livelli, soprattutto da parte di chi coordinava le indagini”, dice ancora Fiammetta Borsellino. “Soprattutto da parte di chi deve fare chiarezza su questi argomenti, parlo del Csm e della procura generale della Cassazione, organismi da cui sono stata più volte coinvolta. Ritengo oggi il fatto che non ci sia nessuna restituzione da parte loro sia inammissibile, sicuramente saranno tutti presenti il 23 maggi e il 19 luglio”.

Fonte . Il Fatto

Lascia un commento

Next Post

Strage di Capaci: quel viaggio che Giovanni Falcone voleva fare a Mosca

Ven Mag 17 , 2019
Dopo quell’esplosione mortale, nulla fu più come prima. Giovanni Falcone, insieme alla moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta persero la vita in una strage ingiusta, come ingiusta è la mafia e il suo Sistema. Sulle bombe di Capaci si è scritto di tutto. Si è scritto tanto […]