Morra a Castelvetrano in piena campagna elettorale: “occorre monitorare tutti i candidati”

Il presidente della Commissione Antimafia Morra a Castelvetrano: “Accendere i riflettori nazionali su questo territorio”

La politica e la saggezza: quando è necessario fare un passo indietro e non lo si comprende

Lo avevamo detto in altri articoli chiedendo anche ai candidati di rendere pubblico l’eventuale appartenenza ad associazioni e non solo massoniche. Non è importante che rispondano al Circolaccio . Lo dicano nelle loro pubblicazioni elettorali .In ogni caso, visto che si deve votare(anche se in un clima di attesa di varie inchieste) è necessario verificare se tutti i candidati sono congrui al ruolo. La Prefettura faccia anche la sua parte. Verificare anche legami di parentela e di stretta amicizia con gente che sta dietro le quinte e non vuole smettere di interessarsi della cosa pubblica. Un check , per tutti i candidati da destra a sinistra. Nelle liste presentate,  anche noi poveri ignoranti sappiamo di candidati che sono regolarmente iscritti a logge massoniche e candidati che sono sostenuti da gruppi vecchi come la muffa . Fuori da clichè tipici, non è corretto generalizzare. Esiste però, un problema di opportunità contestuale Questi personaggi ammuffiti  che sono dietro diversi candidati (e in quasi tutte le liste a macchia di leopardo) Se ne vadano in vacanza  .I vecchi voti democristiani girano ancora . E in verità,non solo i voti democristiani che hanno sostenuto varie giunte degli ultimi 20 anni . Non sempre il nuovo è veramente nuovo . certi personaggi che fanno politica dai tempi di Bongiorno dovrebbero ritirarsi per sempre. Hanno visto tante stagioni della politica , compresi  i tanti affari “strani” su lottizzazioni e aree commerciali di questa città ormai in agonia

Morra su Castelvetrano

Qui tutto lo Stato deve essere ‘h 24′ a disposizione dei cittadini perche’ questa e’ una Repubblica italiana e non e’ il libero stato di Matteo Messina Denaro che sono convinto sara’ sconfitto’. Lo ha detto il presidente della commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, al termine di un incontro al Municipio di Castelvetrano, con i commissari Salvatore Caccamo, Elisa Borbone e Concetta Maria Musca, alla guida del Comune sciolto per mafia nel giugno 2017.

Morra, che era accompagnato dal sottosegretario ai Rapporti con il parlamento e democrazia diretta, Vincenzo  Santangelo, ha aggiunto: ‘La presenza della commissione antimafia nei luoghi in cui molto spesso lo Stato manda in trincea giovani uomini e giovani donne e’ significativa della volonta’ di non volerli fare sentire da soli e abbandonati. C’e’ la volonta’ forte da parte dello Stato di volersi riprendere il territorio’.

Riferendosi poi alla presenza nel territorio oltre che della mafia anche di logge massoniche Morra ha osservato: ‘In Senato c’e’ un disegno di legge, primo firmatario Elio Lannutti, e che e’
stato firmato anche da me, che chiede la inconciliabilita’ tra l’esercizio di funzione pubblica e l’appartenenza ad associazioni segrete, come le logge massoniche. Non abbiamo discusso dei candidati (a Castelvetrano si votera’ il prossimo 28 aprile, ndr), eventualmente la discussione si fara’ a Roma, in funzione del codice che di recente e’ stato approvato dalla commissione stessa’.

Da qui Morra ha fatto anche una riflessione sulla recente inchiesta che ha portato alla luce una loggia massonica segreta: “Le ultime indagini condotte nel Trapanese, con la scoperta di una loggia massonica segreta, confermano la necessità di accendere su questo territorio i riflettori nazionali”.

Questa non è soltanto la provincia di Matteo Messina Denaro: la precedente Commissione antimafia, verso la quale non abbiamo alcun pregiudizio – ha detto Morra – ha ricevuto l’input per sequestrare nel marzo 2017, in Sicilia e in Calabria, una serie di elenchi di iscritti alla massoneria. Trapani è una provincia che ha dimostrato negli anni di saper crescere in autonomia rispetto a quella limitrofa di Palermo”, ha aggiunto Morra.

Per il presidente della Commissione , il problema delle scarcerazioni, per incompetenza territoriale, di numerosi destinatari di ordinanze cautelari nell’ambito dell’inchiesta Artemisia, è superabile: “Riteniamo che si possa recuperare al più presto; la Procura di Trapani non può certo rimanere inerte”.

Sulla questione, il procuratore aggiunto Maurizio Agnello, dice di “attendere le motivazioni”, prima di decidere sul da farsi. In ogni caso, anche qualora l’inchiesta dovesse passare alla Procura di Palermo, il lavoro dei magistrati di Trapani potrebbe essere “adottato”.

Un riferimento del presidente della commissione Antimafia anche alle ormai prossime elezioni amministrative e sulla trasparenza delle liste: “L’adozione del codice di autoregolamentazione è importante ma non sufficiente. Ci vuole l’impegno di tutte le forze politiche per evitare infiltrazioni nelle istituzioni” rispondendo ai cronisti che gli hanno chiesto un commento sulla presenza, tra i candidati alle amministrative di Castelvetrano di soggetti poco limpidi, denunciata dal commissario prefettizio Salvatore Caccamo. “Oggi le liste civiche rappresentano – ha aggiunto – lo specchietto per le allodole: i cosiddetti impresentabili finiscono per essere esclusi dalle liste dei partiti e bypassano gli ostacoli attraverso le liste civiche”.
Read more at https://www.blogsicilia.it/trapani/il-presidente-morra-a-castelvetrano-accendere-i-riflettori-nazionali-su-questo-territorio/478821/#7R3MQ0UMsVtm72MB.99

Lascia un commento

Next Post

Reddito di cittadinanza : a Castelvetrano le domande superano già quelle di Marsala , Mazara del Vallo e Alcamo

Mar Apr 9 , 2019
A Castelvetrano la crisi economica e la disperazione per chi cerca lavoro è ampiamente dimostrata dalle richieste di reddito di cittadinanza I dati pubblicati dall’Inps aggiornati alla scorsa settimana Sono 2461 le domande già registrate a Castelvetrano che conta poco più di 31mila abitanti. A Marsala sono 2324 con una […]