Mafia, scommesse e tanti soldi, arresti in diverse località

Le mani della mafia nelle scommesse, le cosche catanesi e la loro influenza in tutta Europa

Sono 28 le persone arrestate in Sicilia su disposizione della Procura distrettuale della Repubblica di Catania, nell’ambito dell’operazione di Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Catania, nell’ambito dell’inchiesta sugli interessi mafiosi nelle scommesse on line.

I reati contestati sono quelli di associazione mafiosa; di associazione a delinquere, a carattere transnazionale, finalizzata all’illecito esercizio sul territorio nazionale di giochi e scommesse sportive; di riciclaggio; di autoriciclaggio; di intestazione fittizia di beni; di truffa a danno dello Stato; di omessa e infedele dichiarazione dei redditi, reati aggravati dalla finalità di agevolazione dell’associazione di stampo mafioso, per avere consentito ai due sodalizi mafiosi summenzionati l’infiltrazione e la connessa espansione nel settore dei giochi e delle scommesse on line, nonché l’autoriciclaggio dei proventi derivanti dalle attività criminose delle stesse associazioni.

Contestualmente all’esecuzione dei provvedimenti di fermo, sono stati eseguiti in via d’urgenza sequestri preventivi di beni per un valore di circa 70 milioni di euro sia in Italia che all’estero, nonché di quarantasei agenzie di scommesse/internet point, ricadenti nelle province di Catania, Messina, Siracusa, Caltanissetta e Ragusa.

In particolare, la Guardia di Finanza di Catania, con l’ausilio del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (S.C.I.C.O.), ha dato esecuzione a sequestri preventivi finalizzati alla confisca, anche per “sproporzione”, di un patrimonio complessivo dell’ingente valore sopra indicato in virtù di approfondite indagini economico-finanziarie condotte da questa stessa Forza di Polizia e con l’attivazione dei canali di cooperazione internazionale giudiziaria e di polizia che hanno consentito di individuare e sequestrare circa un centinaio di rapporti bancari e conti correnti accesi in Italia e nelle Isole di Man, mentre altrettanti conti correnti e depositi bancari sono stati individuati in altri Paesi. La stessa Guardia di Finanza ha inoltre sequestrato venticinque centri scommesse attivi nelle province di Catania, Messina e Siracusa; l’Arma dei Carabinieri ne ha sequestrata uno con sede in Misterbianco (Ct) mentre altre venti sono stati individuati e sequestrati dalla Polizia di Stato, riconducibili direttamente o indirettamente al clan Cappello.

Fonte: Blog Sicilia

Il Circolaccio

Lascia un commento

Next Post

I pm chiedono il processo per Crocetta per l'inchiesta sulle discariche

Mer Nov 14 , 2018
Richiesta di giudizio per Rosario Crocetta per le autorizzazioni alle discariche   Si appesantisce il carico giudiziario per l’ex governatore Crocetta. Il paladino dell’antimafia è già coinvolto in tre richieste di rinvio a giudizio: Caso Morace, Caso Montante e adesso per le discariche Il silenzio dei suoi amici. Nessuno commenta […]