Serbatoio idrico di via Mascagni

Abbiamo avuto finalmente notizia che qualcosa si è mosso in merito al serbatoio idrico di via Mascagni a Castelvetrano, avevamo scritto ad agosto “Il Ponte a Genova, il serbatoio idrico a Castelvetrano” e prima ancora a maggio “Castelvetrano :cronaca di una tragedia annunciata? Speriamo di no” . Ieri è stato effettuato un controllo da parte dei Vigili del Fuoco che a quanto pare finalmente hanno constatato la pericolosità del manufatto visto che i Vigili urbano hanno provveduto a transennare la strada e si vocifera di un possibile sgombero delle abitazioni. Si auspica che queste non siano le solite transenne decennali visto che se si dovesse procedere a sgombero questo creerebbe grandi disagi agli abitanti del quartiere, mettere le transenne se poi bisogna aspettare tempi biblici per gare di appalto , certificazioni antimafia e quant’altro, non serve a niente. Esiste la possibilità di avviare le procedure per “intervento di messa in sicurezza in somma urgenza per i lavori indispensabili per rimuovere lo stato di pregiudizio alla pubblica e privata incolumità”, sicuramente i Commissari del Comune ne sono a conoscenza e auspichiamo che procedano in modo celere così da eliminare il pericolo e permettere ai proprietari di abitazioni adiacenti di poter continuare la loro vita nella più assoluta normalità, ci piace anche pensare che con i nostri articoli siamo riusciti a dare una mano nel risolvere questo problema e lasciando la gara a chi ha scritto per primo a chi ci tiene, a noi interessa risolvere i problemi che attanagliano questa comunità sempre più martoriata dalle istituzioni, dalla mafia e purtroppo anche da quella parte di cittadinanza che ancora si cura solo dei propri interessi personali, non capendo che solo l’unione può dare forza a qualsiasi iniziativa.

Maurizio Franchina

Il Circolaccio

Lascia un commento

Next Post

L’USO ALTERNATIVO DELL’INGIUSTIZIA

Sab Ott 6 , 2018
  Teorizzavano, un gruppo di giovani magistrati, l’uso alternativo della giustizia. Una giustizia che, in alternativa alla propria storica funzione di applicare le leggi, la superasse contribuendo ad una legislazione nuova, espressione di una società diversa, rivoluzionaria. Erano i magistrati di M.D. (magistratura democratica) quasi tutti giovani, geniali, generosi. Poi […]