Sanità: Musumeci pronto a “cacciare” Il commissario Bavetta voluto da Gucciardi

Sanità, i casi Trapani e Villa Sofia
Due manager verso la rimozione

Partito l’iter per rimuovere dall’incarico i commissari dell’Asp Trapani e di Villa Sofia-Cervello.

PALERMO – La Regione potrebbe presto “licenziare” due manager della sanità.

Giovanni Bavetta e Maurizio Aricò, rispettivamente commissario dell’Asp di Trapani e commissario degli ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo, hanno ricevuto una diffida da parte dell’assessore alla Sanità Ruggero Razza per irregolarità riscontrate durante ispezioni da parte del personale dell’assessorato. Al centro delle contestazioni lo svolgimento di esami oncologici nel trapanese e la gestione delle nomine all’interno degli ospedali palermitani.

Che strano, la lorenzin solo prima delle elezioni regionali si era complimentata con Bavetta

«E’molto importante – dichiarò la Lorenzin- lo sviluppo di questo hub per tutto questo territorio. Un ospedale che ha fatto degli enormi passi avanti, pensiamo a un punto nascita che ha avuto un abbattimento significativo per quanto riguarda la percentuale di parti cesarei. Questo è uno degli indicatori dei Lea, i livelli essenziali di assistenza, mi complimento con il commissario Bavetta”

 La bastonata della Ruvolo

La diffida contro  Bavetta che avvia così l’iter per la revoca, che guida l’Asp trapanese da quando l’anno scorso è subentrato a Fabrizio De Nicola, arriva dopo un’ispezione partita in seguito a una riunione in commissione Sanità all’Ars. In quell’occasione il deputato Udc Margherita La Rocca Ruvolo, sindaco di Montevago e stretta mica di Elena Ferraro, ha segnalato alcuni problemi che riguardano l’Asp guidata da Bavetta, e i funzionari dell’assessorato inviati sul posto hanno scoperto che molti mesi dopo avere effettuato uno screening oncologico l’Asp non ha ancora comunicato ai pazienti i risultati delle visite. Data la delicatezza degli interventi il ritardo è apparso grave all’assessorato, che dunque ha fatto partire l’iter per la revoca contro Bavetta. Il quale ora ha la possibilità di rispondere per iscritto con le proprie controdeduzioni.

È legata alla mobilità del personale e alla gestione delle unità semplici, invece, la diffida arrivata a Maurizio Aricò, commissario di Villa Sofia-Cervello. Anche in questo caso, come racconta Repubblica, tutto è partito da un’ispezione da parte del dipartimento di Pianificazione strategica dell’assessorato al reparto di emodinamica dell’ospedale Cervello, durante la quale i sindacati hanno comunicato delle presunte irregolarità nelle procedure di mobilità interna e volontaria, nell’avvio di unità semplici di Stroke Unit e negli incarichi per dirigere le unità semplici di Malattie infiammatorie croniche intestinali, Genetica, Manipolazione Cellulare, Rischio critico. In più i sindacati hanno contestato alcuni spostamenti di medici tra diverse unità operative. Lo stesso Aricò prima dell’ispezione aveva revocato in autotutela molti degli atti firmati per attribuire nuovi incarichi, ma dopo le verifiche l’assessorato ha deciso di licenziare il dirigente. Che anche in questo caso ha la possibilità di rispondere, difendendosi per iscritto. Ma anche per lui intanto via all’iter per la rimozione.

 

Fonte: Live Sicilia

Il Circolaccio

condividi su:

Lascia un commento

Next Post

La carica dei 101 nuovi portaborse dell’Ars fra parenti, amici e politici trombati

Ven Apr 6 , 2018
  Sono un centinaio ed affolleranno Palazzo dei Normanni nei prossimi cinque anni. Affolleranno forse non è il termine giusto. Bisognerà ancora capire se effettivamente li vedremo girare per corridoi e uffici dei gruppi parlamentari. Sono i nuovi collaboratori, portaborse e impiegati dei gruppi Parlamentari e dei singoli deputati. per […]