Trapani, dà una bastonata a un gatto: pena-record di quattro mesi

Una condanna a quattro mesi per aver dato una bastonata a un gatto. La sentenza è del giudice monocratico di Trapani Rossana Cicorella, che ha inflitto così una condanna più alta di quanto abbia chiesto l’accusa, che si era limitata a proporre due mesi di reclusione. L’uomo, un operatore marittimo, si era difeso dicendo di avere solo sbattuto la scopa a terra per fare fuggire l’animale, ma la giudice non gli ha creduto: così è scattata la condanna senza attenuanti, con la sola sospensione condizionale. Secondo il Giornale di Sicilia, che

 

 ne dà notizia, è la condanna più alta mai inflitta per maltrattamenti sugli animali.

La denuncia era arrivata dai vicini. Uno di loro ha anche testimoniato, raccontando di averlo visto colpire il micio, che si era accovacciato in una cesta con il bucato appena lavato e aveva lasciato anche degli escrementi. L’operatore marittimo, invece, sosteneva di essersi limitato a dare un colpo col mocio accanto alla cesta, cercando di fare andare via l’animale

Fonte : Repubblica

condividi su:

Lascia un commento

Next Post

Mafia: quel possibile archivio segreto nelle mani di Messina Denaro e che spaventa qualcuno

Dom Feb 11 , 2018
  Nell’autunno del 1991 Matteo Messina Denaro era già il capo mafia della provincia di Trapani, in sostituzione del padre Francesco, malato. E il pentito Vincenzo Sinacori dichiararlo: “C’era anche Matteo alla riunione di fine settembre di quell’anno, tenuta a Castelvetrano, in cui Salvatore Riina comunicò l’avvio della strategia stragista”. […]