Stragi: “Di Matteo, La morte di Riina non ferma l’anima stragista della mafia. Ci sono mafiosi che conoscono segreti sulle stragi”

E’ possibile che qualcuno, sia all’interno che all’esterno delle organizzazioni mafiose, sia ancora a conoscenza di segreti che riguardano le motivazioni più profonde e i mandanti delle stragi. Fino a quando ci sarà anche solo un mafioso in possesso di questi segreti, sarà in grado di ricattare lo Stato o le istituzioni e quindi fino ad allora saremo ancora in pericolo”.  Cosi’ Nino Di Matteo, sostituto procuratore della Direzione Nazionale Antimafia

 

L’anima stragista di Cosa nostra non è morta con Riina. C’è ancora chi crede che l’attacco frontale alle istituzioni possa essere più utile all’organizzazione e che possa portare un vantaggio”. Cosi’ Nino Di Matteo, sostituto procuratore della Direzione Nazionale Antimafia, a Radio anch’io – Rai Radio 1.

“Da più indagini risulta che fino a pochi anni fa esistevano dei progetti per eliminare dei magistrati – aggiunge -. Nella storia del periodo stragista si sono annidati rapporti e ricatti. E’ possibile che qualcuno, sia all’interno che all’esterno delle organizzazioni mafiose, sia ancora a conoscenza di segreti che riguardano le motivazioni più profonde e i mandanti delle stragi. Fino a quando ci sarà anche solo un mafioso in possesso di questi segreti, sarà in grado di ricattare lo Stato o le istituzioni e quindi fino ad allora saremo ancora in pericolo. La forza della mafia non è solo militare ma è  anche la forza di poter ricattare”.

“Per combattere con efficacia Cosa nostra – sottolinea Di Matteo – di sicuro ci sono delle cose da non fare: da un lato non si deve incorrere nell’errore di far apparire che lo Stato stia sottovalutandola; e poi non modificare la normativa sul 41 bis, sull’ergastolo ostativo, sul sequestro dei beni, sulle intercettazioni telefoniche. Cercare dei rimedi legislativi per quei rapporti tra Mafia con imprenditori, politica e istituzioni. E cercare dei rimedi più efficaci contro la corruzione”.

Fonte (ITALPRESS).

Il Circolaccio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Sport: la pallavolo meridionale non punta sui giovani

Gio Nov 23 , 2017
  Riceviamo questa lettera  che pubblichiamo ritenendo validi i motivi argomentati Lo sport, spesso, rappresenta il momento che una società vive Seguire un sabato sera su uno dei tanti canali di Youtube una partita di pallavolo femminile del campionato di B2 dei gironi meridionali e vedere atlete ultra trentenni e […]