Castelvetrano e le sue ceneri : tra spazzatura, disoccupazione e giustizialisti senza scrupoli

Chi si sente castelvetranese dentro , chi soffre nel vedere questa città martoriata e lasciata tra spazzatura e sospetti di ogni sorta,non può rimanere indifferente.

Dal Palazzo arrivano grandi proclami accusatori contro i castelvetranesi che sarebbero quasi tutti evasori, quasi tutti simpatizzanti della mafia, quasi tutti furbacchioni. La stampa di regime fa passare questo messaggio.

Come se l’evasione o il mancato pagamento di balzelli o la mafia riguarderebbe solo Castelvetrano.

Invece Marsala, Sciacca, Mazara del Vallo  o Trapani sono abitati tutti da cittadini ligi ad ogni dovere.

Ai castelvetranesi, tocca stare tra la sporcizia, i topi, l’acqua sporca e anche senza lavoro, senza il diritto di reagire. 

Se lo fai , potresti finire accusato

E’ la punizione per avere dato i natali a Matteo Messina Denaro?

Da 25 lo cercano

I PM hanno fatto decine di inchieste, fatto arrestare centinaia di persone e avviato  sequestri di beni ,n per centinaia di milioni.Le associazioni antimafia hanno lavorato tanto e trovato molte occasioni di sviluppo e di Matteo Messina Denaro nemmeno l’ombra.

I disastri, e’ ovvio,  partono da lontano. Quello che si  vede per le strade non è certo colpa dei commissari. Si dovrebbe indagare su chi ha governato questa città negli ultimi 20 anni. Molti castelvetranesi , piuttosto che essere sempre “accusati”vorrebbero conoscere la verità su tanti momenti amministrativi  comunali passati . vorrebbero tanto sapere con indagini  chiare, chi è responsabile e chi  ha avuto illecito profitto  per scelte clientelari e sbagliate. Molti castelvetranesi auspicano che i commissari non pensino solo ad intimidire i cittadini con multe , notifiche di contenziosi , pignoramenti e sospetti di mafiosità.I tanti castelvetranesi onesti e ridotti in povertà , auspicano che i commissari facciano venir fuori l’eventuale marcio  che è stato dentro il comune e nascosto per troppi anni. Il marcio che ha solo portato benessere a pochi, demolendo la bellezza di questa città ormai in rovina

 

Il Circolaccio

Farinata degli Urberti

 

Lascia un commento

Next Post

Mafia: 16 arresti a Bagheria

Lun Ott 30 , 2017
“Il boss voleva uccidere la figlia” Mafia di Bagheria, 16 arresti PALERMO – L’anziano boss si era rifatto sotto. Scarcerato lo scorso aprile Pino Scaduto stava cercando di riprendersi il posto che gli spettava, quello di capomafia di Bagheria. E voleva addirittura ammazzare la figlia, colpevole di avere avviato una […]