Castelvetrano: Il Pm di Marsala chiede una pena di 2 anni e mezzo per un dirigente del comune

 Il dirigente del del Comune di Castelvetrano Barresi, accusato di falso e truffa.

Il PM chiede 2 anni e mezzo

 

È in corso di svolgimento al   Tribunale di  Marsala, un processo che vede imputato, per truffa  in danno di ente pubblico e falso ideologico, Giuseppe Barresi,  60 anni, dirigente del Comune di Castelvetrano (Tp),  responsabile dell’ufficio Anagrafe. Secondo l’accusa, Barresi  avrebbe falsamente attestato la coabitazione con l’anziana madre  (L.B., di 90 anni), in situazione di handicap grave e bisognosa  di continue cure e assistenza, allo scopo di rimanere a casa,  incassando però ugualmente lo stipendio, beneficiando della  norma che prevede il congedo straordinario retribuito, fino al  massimo di 24 mesi, per quei lavoratori che convivono con un  parente disabile grave.

Ma dall’indagine, condotta dalla sezione  di pg della Guardia di finanza della Procura di Marsala, sarebbe  emerso che Giuseppe Barresi avrebbe continuato a vivere con  moglie e figli nella sua abitazione, e non in quella della  madre, dove invece vive la sorella. Il «falso» cambio di  domicilio l’avrebbe ottenuto, secondo l’accusa, proprio grazie  poteri che gli derivavano dalla sua carica dirigenziale al  Comune. Il congedo straordinario retribuito ottenuto dal Barresi  è relativo al periodo compreso tra l’1 febbraio 2015 e il 31  gennaio 2017. Nel processo, il Comune di Castelvetrano si è  costituito parte civile.

 

Fonte :GDS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

24 anni fa la mafia uccideva a Brancaccio Padre Puglisi, il sacerdote del cambiamento

Ven Set 15 , 2017
 Il sacerdote umile che preferiva lavorare in strada per combattere la mafia, piuttosto che fare inutili passerelle nei salotti cittadini.    “ALLA LUCE DEL SOLE” La mafia lo uccise perchè riusci a togliere tanti bambini dal disagio mafioso Fu lasciato solo dalle istituzioni   Ventiquattro anni fa a Palermo veniva […]