Regionali: Musumeci sempre più lanciato dal centrodestra

Forse sono stati anche i sondaggi alla fine a convincere Silvio Berlusconi a sostenere la candidatura di Nello Musumeci,dunque i numeri e le percentuali che il Cavaliere continua ad annusare quasi ogni settimana, come ai tempi d’oro, perché le elezioni siciliane, che si terranno tra ottobre e novembre, sono il preludio delle politiche per le quali Berlusconi si sta preparando da mesi, sottoponendosi a cure dimagranti e disintossicanti, tisane e sedute di cyclette, come fossero una gara olimpica, una maratona, un salto con l’asta: “Trovatemi una casa a Palermo”, ha ripetuto ai suoi collaboratori, “voglio girare casa per casa, paese per paese, città per città”. Vuole dare una mano, vuole vincere, il Cavaliere, adesso accanto all’onesto capopopolo con il pizzetto, Musumeci.

 

Berlusconi vuole vincere accanto all’ex bancario cresciuto nel Msi, l’uomo delle preferenze record, l’ex presidente della provincia di Catania che non voleva tutori capaci di metterlo sotto tutela, e che infatti non piace a Totò Cuffaro e nemmeno troppo a Saverio Romano, due che però in Sicilia i voti li hanno ancora. Lui che ha ottenuto questa candidatura unitaria alla presidenza della regione non come si prende il dono di un padre, ma come si scippa un tozzo di pane a un estraneo. “Andare oggi da Berlusconi ad autoperorare la mia causa sarebbe una grave incoerenza. Io ho proposto le primarie del centrodestra e mi sono battuto per celebrarle come bagno di democrazia. Adesso non posso andare ad Arcore a cercarmi la raccomandazione per farmi candidare dall’alto”, aveva detto a Giuseppe Alberto Falci, qualche settimana fa. Parole che avevano infastidito Berlusconi, che avevano per un attimo rallentato l’ineluttabilità di un accordo che stava nella logica politica, come alla fine aveva compreso anche Gianfranco Micciché, cioè nell’idea galvanizzante del rilancio e della rivincita, una convergenza che era nell’aria da almeno una settimana, pur tra incomprensioni, piccole gaffe, tentennamenti e pericolosi malintesi, come l’idea che Musumeci – il quale gode di un prestigio e di una forza personali in Sicilia – fosse il “sovranista”, l’immoderato, una specie di pupo mosso da Giorgia Meloni e Matteo Salvini, loro che al contrario di Musumeci nell’isola non raccolgono granché, e già avevano pasticciato pericolosamente a Palermo, con la candidatura per così dire “gogoliana” di Ismaele La Vardera, un giovane collaboratore delle “Iene” di Italia Uno che dopo aver corso per diventare sindaco di Palermo ha rivelato la beffa: “Ho registrato in video tutti gli incontri, le profferte, gli inghippi, e ci farò un film”. Una capolavoro surreale.

Fonte: Live Sicilia

Lascia un commento

Next Post

Reddito di inclusione, da gennaio fino a 485 euro al mese per le famiglie più deboli

Mer Ago 30 , 2017
Il Consiglio dei ministri ha approvato definitivamente il decreto legislativo che introduce dal primo gennaio 2018 il reddito di inclusione (Rei), misura unica a livello nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Il provvedimento si rivolge a una platea di 400 mila famiglie, pari a circa 1,8 milioni di persone. […]