Sicilia: ti amo ma ti lascio. Ogni mese oltre 2000 giovani lasciano l’isola

Ogni mese , oltre 2000 tra diplomati e laureati vanno via ma non è solo per lavoro,tra l’indifferenza di politici , burocrati e vari personaggi della vita pubblica locale. I giovani lasciano i piccoli centri ma anche le città siciliane. Non credono più alle chiacchiere e ai tanti discorsi di convenienza politica e a chi, ha solo distrutto avversari politici, e non è stata capace di generare sviluppo economico e sociale

La Sicilia  ogni anno perde tantissime risorse umane che vanno a dare il loro contributo ad altre economie

La bellissima Sicilia incapace di tenere qui la parte migliore della popolazione

Recenti dati emessi da una società di statistica, ci fanno sapere che ogni mese a lasciare l’Isola sono sempre di più sfiduciati da tutto.

Chi sono? Dove vanno? Perché questa emorragia? Dall’inizio del 2017 a oggi se ne sono andate oltre 10 mila persone: giovani per lo più, che con un titolo di studio in mano sono partiti alla volta di Stati Uniti e nord Europa, ma non solo.

Così se all’estero vanno soprattutto gli under 35, ci sono palermitani che si spostano nelle più tranquille vicinanze: zone di mare e villette come Carini e Capaci o ancora Monreale, Villabate e Misilmeri.

Sembra essere la qualità della vita la molla che in entrambi i casi spinge a lasciare la terra del Gattopardo

Qui a sud di dove la disoccupazione (nazionale) supera il 35 per cento i ragazzi sono «costretti a emigrare anche per mantenersi durante gli studi o restano nella propria città attendendo un’occupazione che non arriverà mai – commenta Nunzio Reina, presidente di Confartigianato Palermo – le botteghe-scuole permetterebbero ai giovani di intraprendere un percorso formativo e le competenze acquisite arricchirebbero il loro bagaglio culturale».

Intanto quelli che si sono trasferiti all’estero per lavoro trovano impieghi sicuri, appaganti e ben retribuiti. Giovani e anche donne in realtà, visto che appunto sono queste le due categorie a cui spesso manca l’occasione, che lasciano la città natale per la Germania, la Svizzera o anche il nord del Paese.

In Germania si è spostato infatti oltre il 20% del totale dei palermitani emigrati, c’è poi l’Inghilterra seguita dalla Francia e dopo ancora dall’America con l’8,1%. Le prospettive , per i giovani siciliani non sono rosee. Nell’isola gli investimenti diminuiscono e non si fanno concorsi da decenni
Fonte :Balarm

Pico Della Mirandola

Lascia un commento

Next Post

Talco e cancro : condannata famosa azienda americana

Mer Ago 23 , 2017
LOS ANGELES (USA) – Una giuria di Los Angeles condanna Johnson & Johnson a pagare 417 milioni di dollari a una donna che ha usato per anni il talco prodotto dalla società e ora malata di cancro alle ovaie. La società ha annunciato che presenterà ricorso. Nel 2016 Johnson & […]