Convegno a Palermo sullo sbarco del 1943. ANVM chiede si parli anche delle marocchinate

Convegno a Palermo sullo sbarco in Sicilia degli Alleati. L’ANVM auspica che sia affrontato il tema delle cosiddette “marocchinate”, le violenze commesse dai coloniali francesi ai danni dei civili italiani. Ciotti (Presidente nazionale ANVM) “Tante le donne violate nell’isola dai magrebini inquadrati nell’Esercito Francese.”

In occasione dell’ottantesimo anniversario dello sbarco in Sicilia, si tiene stamani, martedì 24 gennaio 2023, con inizio alle ore 9, presso Palazzo Sclafani in Piazza della Vittoria, a Palermo, il Convegno dal titolo “1943: da Casablanca a Messina. Gli otto mesi che cambiarono la Seconda Guerra Mondiale”.

L’Associazione Nazionale Vittime delle marocchinate, presieduta da Emiliano Ciotti, scrittore e ricercatore storico, auspica che durante la giornata di studi siano affrontate non solo le questioni militari e diplomatiche, ma anche i crimini di guerra commessi in Sicilia dalle truppe alleate in generale e dai coloniali francesi in particolare. Queste violenze bestiali, che nei mesi successivi martoriarono anche le popolazioni di Campania, Lazio e Toscana, dal 1946 vennero definite con il termine “marocchinate”.

“In Sicilia sbarcò un piccolo contingente di magrebini francesi – dichiara Emiliano Ciotti, presidente dell’ANVM e nipote di un italiano ucciso dai coloniali nel 1944 – questi soldati si misero subito in evidenza e commisero violenze terribili ai danni dei civili: stupri, aggressioni, furti, rapine, razzie e omicidi. Tutte vicende che per troppi anni sono state volutamente sottaciute e che auspichiamo siano ricordate nel convegno palermitano. Siamo convinti che sia giunta l’ora di raccontare tutta la storia di questo sbarco, senza dimenticare nulla.”

ANVM, associazione nazionale vittime delle marocchinate

condividi su:

Next Post

Catania, si presenta il libro di Alessandra Romeo sul carcere e le iscrizioni del Castello Ursino.

Mer Gen 25 , 2023
Si presenta giovedì 26 gennaio 2023 alle ore 17,00 al Castello Ursino a Catania il libro di Alessandra Romeo “E a stu locu si imprindi e s’impara. Nuovi studi sul carcere e le iscrizioni del Castello Ursino di Catania”, edito da Aracne Editrice e inserito nella collana Esempi di Valore.Ne parlerà con […]

You May Like