ITALEXIT E FORZA PALERMO PROTESTANO CONTRO L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE: “POLITICHE DI MOBILITÀ URBANA SENZA SENSO E INTOLLERABILE SPERPERO DI DENARO” IL 30 SETTEMBRE SIT IN IN PIAZZA PRETORIA ALLE 17:00

“Il Comune venuto da Marte”: è il titolo della manifestazione organizzata e promossa dal coordinamento cittadino e provinciale di Italexit Palermo e dal movimento civico Forza Palermo, che si terrà il 30 settembre alle 17:00.
Il luogo scelto dagli organizzatori, non a caso, è piazza Pretoria, di fronte a Palazzo delle Aquile, sede dell’amministrazione comunale, oggetto delle critiche di Italexit e Forza Palermo anche per via delle politiche in materia di trasporto pubblico urbano.

Tra i motivi della protesta, infatti, figura l’ampliamento della linea tramviaria “Libertà – De Gasperi- Strasburgo” a causa della complessità dei lavori e dell’apertura dei cantieri che, secondo  Italexit e Forza Palermo, stravolgeranno la mobilità urbana.
A preoccupare sono soprattutto lo spostamento di tutti gli impianti sul tracciato delle nuove tratte – elettrici, fognari, idrici e telefonici- e  la successiva installazione dei pali di elettrificazione binari, congiuntamente allo svolgimento di tutte le opere necessarie.

“Tutte le attività commerciali interessate dal tracciato – spiegano Andrea Piazza e Paolo Franzella, rispettivamente coordinatore cittadino e provinciale di Italexit insieme a Giuseppe Catalano, presidente del movimento civico Forza Palermo- subiranno un danno economico irreversibile, al pari di quello prodotto a causa del cantiere in via Emerico Amari”.

“Basti pensare – aggiungono – che il servizio SUAP del Comune di Palermo ha già invitato i titolari di licenza di vendita dei libri sui marciapiedi a spostarsi altrove”.

“Il medesimo obiettivo – proseguono – potrebbe essere raggiunto inserendo nel ciclo urbano bus elettrici e realizzando stazioni di ricarica lungo il percorso”.
Italexit e Forza Palermo protestano inoltre contro “lo sperpero di denaro pubblico” legato allo studio di fattibilità per realizzare una galleria doppia che colleghi i due assi autostradali, passando per l’area marittima.
Studio già finanziato “al modico costo – ironizzano gli organizzatori – di 1,4 milioni di euro”.

 
condividi su:

Next Post

Ingroia e il caso Maniaci : quel video "prova" farlocco che non conosce responsabili

Gio Set 30 , 2021
L’uscita del docufilm “Vendetta” riapre vecchie ferite all’interno del cosiddetto mondo dell’antimafia. Ferite che confondono le idee anche sul modo di operare di certi tribunali. Non si può certo nascondere quanto è accaduto a Pino Maniaci. Ormai l’intero globo lo sa. Si potrebbe anche dire che, il giornalista di Tele […]

You May Like