Un interpello nazionale coinvolge solo il personale maschile della Polizia Penitenziaria, Armando Algozzino (UILPA) chiede chiarimenti ai vertici del DGMC del Ministero della Giustizia

Il tema delle pari opportunità al centro dell’attenzione del segretario nazionale della Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria Armando Algozzino.

 

In una nota trasmessa ai vertici  della direzione generale del Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità, l’esponente sindacale chiede chiarimenti relativamente a un’anomalia verificatasi in merito a un interpello nazionale.

 

Si tratta, nello specifico, della domanda per l’ assegnazione del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria nei ruoli di agenti e assistenti presso i Nuclei nell’ambito degli Uffici Interdistrettuali e Distrettuali dell’Esecuzione Penale Esterna. 

 

 “Molto grave – commenta il segretario nazionale – che le chiamate in videoconferenza nei colloqui selettivi di valutazione siano state programmate solo per il personale maschile”.

 

 Nella nota trasmessa anche a Lucia Castellano, direttore generale dell’Esecuzione Penale Esterna, Algozzino chiede di fare chiarezza sui colloqui di valutazione in corso.

 

 “La UILPA Polizia Penitenziaria – conclude – è in prima linea sul versante del pieno riconoscimento della pari opportunità in ambito lavorativo, e non può ignorare trattamenti improntati all’ingiustizia nei confronti del personale femminile di Polizia Penitenziaria che, in termini di umanità, dedizione e sacrificio rappresenta una delle punte di diamante del Paese”.

 

L’interpello nazionale è stato pubblicato il 14 gennaio scorso, con circolare GDAP 0014549.U..

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Sicilia – Il ddl di Assenza contro il cyberbullismo in seconda Commissione

Mer Gen 27 , 2021
  Assenza: “Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità” Sulla stessa linea  il Garante per l’infanzia, D’andrea, e la referente Cetty Mannino   “La Sicilia fanalino di coda. Unica regione senza una legge ad hoc sul cyberbullismo – dice Giorgio Assenza – Alla luce dei fatti di cronaca e visto dunque […]