“Giornata contro la violenza sulle donne”: la voglia di rinascita e di riscatto nel video “Donne”, scritto da Francesca Picciurro e diretto da Daniela Pupella

“Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”: la voglia di rinascita e di riscatto nel video “Donne”, scritto da Francesca Picciurro e diretto da Daniela Pupella. Un omaggio alle donne che vogliono fare sinergia.

S’intitola “Donne” ed è la risposta al senso di chiusura e di silenzio che la violenza opera in chi la subisce. Un inno alla gioia, alla voglia di essere positive e sinergiche, il video scritto da Francesca Picciurro e diretto da Daniela Pupella, che nella “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, vuole testimoniare, attraverso la voce e la faccia di 4 donne – Daniela Pupella, Francesca Picciurro, Lavinia Pupella e Marta Citarella -, il dolore , il peso di un crimine indicibile  ma, allo stesso modo, la voglia più forte e più grande di normalità e di rinascita. Il tutto, partendo dalla straordinaria sinergia che le donne sanno creare e tramutare in bellezza e sorrisi senza tempo.

«Questo lavoro è la dimostrazione della capacità delle donne di reagire al dolore con la rinascita – spiega la regista, Daniela Pupella –. Basti pensare al dolore del parto. E’ così grande che non dovremmo più fare figli. Eppure in noi c’è tanta voglia di bellezza che crediamo sia importante perpetrarne tanta altra. Nel video, poi, ognuna di noi ha un’età diversa. Non è un caso ma la dimostrazione che a qualunque età, come anche in qualunque condizione sociale e culturale, si può essere solidali e sinergiche per combattere i tanti mostri che ci stanno attorno».

Un video, quello prodotto dalla “Arte & Cinema” di Nunzio Giangrande e Salvilio De Filippo, che da oggi fa il giro del web per portare un messaggio di speranza a chi, soprattutto in questo momento storico di “distanziamento sociale”, vive ancora più drammaticamente l’essere costretta a condividere con il proprio carnefice senza potere chiedere aiuto.

Ecco il link: https://youtu.be/-ZvR9J4jEq8

 

«Ho sempre scritto di temi come questo – afferma l’autrice del testo, Francesca Picciurro – e, quando Daniela mi ha chiesto se volevo proporre qualcosa, ci siamo subite trovate. C’è stata un’immediata sinergia, difficile da creare perché molto spesso le peggiori nemiche delle donne sono le donne stesse. Purtroppo, la voglia di primeggiare ha sempre la meglio su ogni buon proposito. Noi 4 siamo l’esempio del desiderio di fare e di rinascita che molte donne serbano nel cuore, ma che non sempre riescono a tirare fuori.  Donne che vivono grandi tragedie e non sanno quali strumenti utilizzare per “salvarsi”. “Donne” racchiude tutto questo. E’ un segnale di speranza e di riscatto, un piccolo messaggio nell’oceano, che spero potrà essere raccolto».

Portiamo nel cuore il peso di tutto l’amore non ricevuto, di quell’amore negato,  tradito, illuso, violentato, strappato. Portiamo nel cuore il tuonare di ogni rifiuto, di ogni “tu sei troppo”, di ogni bugia travestita da un “meriti di più”, di tutte le volte che siamo passate per pazze, gelose, mendicanti d’amore.

Portiamo nel cuore il dramma della disillusione, dei brandelli di un sentimento spaccato, rotto, devastato e infangato.

Portiamo nel cuore il cristallo tagliente della delusione amara, che ti squarcia  fino in fondo, ti logora, ti piega, ti accartoccia come un pacchetto di sigarette vuoto. Ma siamo donne e nel cuore portiamo il coraggio della rinascita, di pagine voltate, della libertà di un pianto, della voglia di ricominciare da capo, da noi, con noi, per noi verso visioni nuove, con audacia,  con la paura di cadere ancora, ma con tutta la forza che ci contraddistingue.

 

condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Viticoltura, in arrivo 80 milioni dal Psr Sicilia, Pellegrino (FI): “Obiettivo raggiunto grazie all’incontro che ho organizzato con Musumeci e viniviticoltori trapanesi"

Mer Nov 25 , 2020
“Un risultato raggiunto a seguito delle incessanti concertazioni con il presidente Musumeci e l’assessore Edy Bandiera in merito alla misura 10.1b del Psr Sicilia. Fin dall’inizio del mio mandato parlamentare era evidente che per alleviare la crisi di gran parte delle realtà agricole siciliane, specie del trapanese, sarebbe stata necessaria […]