Davigo “bocciato” dal Tar: «Il ricorso è inammissibile» rimane in pensione

Davigo “bocciato” dal Tar: «Il ricorso contro la sua decadenza dal Csm è inammissibile»

I giudici amministrativi si sono dichiarati incompetenti, stabilendo che la controversia va presentata davanti al tribunale ordinario. L’ex togato, che chiedeva l’annullamento della delibera di decadenza dal Csm per pensionamento, dovrà cambiare giudice

 
  • Il Tar del Lazio ha dichiarato inammissibile il ricorso dell’ex togato del Csm, Piercamillo Davigo, contro la sua decadenza da consigliere dopo la pensione.
  • I giudici amministrativi hanno stabilito che la richiesta di reintegro al Csm debba essere presentata davanti al giudice ordinario, competente in caso di diritti soggettivi.
  • Ora, dunque, non c’è che da aspettare che Davigo si rivolga al nuovo giudice per veder incardinato il procedimento. Con la differenza che, davanti al giudice ordinario, l’iter processuale rischia di correre molto meno speditamente rispetto a quello del Tar.
  •  
  • Fonte: Domani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Falcone e Borsellino indagarono sui misteriosi contatti tra la mafia e Gladio

Ven Nov 13 , 2020
Falcone e Borsellino scoprono la Gladio e i suoi rapporti con la mafia Il rapporto dei R.O.S. sulle inchieste dei due giudici firmò le stragi? Gladio rimase un’organizzazione segreta dal 1956 al 1990 quando nel corso di tutt’altra indagine il ritrovamento di alcuni documenti spinse l’allora Presidente del Consiglio Giulio […]