CIPRIANO (M.E.S) : SUL COVID IL POPOLO SICILIANO, VUOLE CHIAREZZA E RISPOSTE BREVI . VOGLIAMO PASSARE UN NATALE ETICAMENTE SERENO.

Il Movimento Etico Siciliano, attraverso il proprio Garante Antonio Cipriano riprendendo le disposizioni di Musumeci, afferma :

“sul Covid il Popolo Siciliano, vuole chiarezza e risposte brevi .

Vogliamo passare un Natale Eticamente sereno. 

Servono posizioni nette, precise e ben definite, si sta creando confusione, disorientamento e terrorismo psicologico oltre che mediatico; si fa disinformazione .

Sig. Presidente, la avvertiamo, eviti di prendere il nostro atteggiamento come un attacco personale; le nostre domande sono legittime e sono domande che ci poniamo, avverso gli atteggiamenti governativi a cui anche Lei si sta piegando .

Vorremmo vedere più determinazione da parte sua, Presidente, nel senso che la vorremmo vedere più arrabbiato nei confronti dello Stato Italiano e meno all’opra chiana .

Il Popolo Siciliano tutto, i disoccupati, i cassaintegrati, i redditisti, i lavoratori, le Categorie Economiche ed i loro indotti stanno aspettando risposte ; si sta brancolando nel buio .

Si faccia carico delle sue potenzialità e delle sue prerogative in tema di sicurezza; in tema di controlli si faccia meno disparità tra il Popolo Siciliano ed i Migranti che continuano a sbarcare senza disciplina a controllo .

Quanti clandestini stanno ancora sbarcando ?

Quanti ricevono assistenza ?

Quanti sono positivi al Coronavirus ?

A noi i conti, ci tornano poco.

Si continua a perseguire il nostro Popolo, per colpa di altri, diciamocelo francamente .

Chi ha gestito le emergenze sanitarie e chi le sta gestendo ? Lo sa anche Lei Presidente.

Ci siamo affidati ad una Regione come la Lombardia, tristemente nota alle cronache per essere stata tra le prime regioni Italiane ad essere invasa da questo virus influenzale; un virus che viene definito con il suo nome scientifico, solo per effetto del terrorismo mediatico. 

Cominciamo a dire le cose come stanno, il Popolo Siciliano vuole la verità e vuole avere la certezza di assistenza e diritti, di cui è a tuttora mancante, visto il protrarsi di ordinanze che arrivano e poi si spengono a macchia di Leopardo . 

Presidente Musumeci, faccia leva sui medici di famiglia e sulle guardie mediche; vogliamo stare tranquilli; per cui se deve ordinare tamponi, chiediamo si facciano prevalere quelli salivari, differentemente da quelli invasivi nasali che vanno a danneggiare le cavità .

Dia certezze sui dispositivi di sicurezza. Quante terapie intensive ha costruito e disposto ?

Quante mascherine chirurgiche ha prodotto la regione ? Vogliamo risposte , così come chiediamo si fermi il business delle mascherine private, facendo una ordinanza per vietare le vendita .

Delle mascherine se ne deve fare carico la Regione, è ingiusto che si vada a pagare una mascherina da un privato, quando se il virus è arrivato in Sicilia e perché qualcuno ha mal governato il sistema della sicurezza .

E nessuno ci dica il contrario, perché noi avevamo avvertito e chiesto sicurezza alle prime avvisaglie. Ora la Regione deve essere più che chiara, anche trasparente ed avere risposte nette, sia nel saperle dare che nel riceverle e richiederle .

Noi, da canto nostro oltre a chiedere, un maggiore coinvolgimento dei medici di famiglia, visto che anche loro sono disorientati, insieme a tanti addetti della sanità, chiediamo l’istituzione del medico domiciliare, ovvero una funzione in più per la Regione Siciliana, in ragione del fatto di evitare che si tolgano competenze e che lo stesso sistema sanitario regionale sia il più completo possibile, nel dare risposte rapide al Popolo avente diritto di cure, sanità, sicurezza, tranquillità, necessità ecc… senza che sia messo nel panico.

I servizi necessari devono essere garantiti e per questo crediamo che la funzione del medico domiciliare si possa integrare nel sistema regionale sanitario, più che bene, sgravando i medici di base come quelli della guardia medica, togliendo le urgenze casalinghe alla loro competenza affidandola a controlli rapidi ed immediati solo ai medici domiciliari, medici che comunque devono rimanere sia in contatto con i medici di base e con la guardia medica a cui devono relazionarsi . Presidente rifletta . Ci risponda una volta buona. Faccia sapere al Popolo Siciliano che è presente” .

Eticamente la Saluta . P/M.E.S, il Garante Antonio Cipriano.

Resuttano (Cl) 15.10.2020  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Emergenza COVID 19 Italia

Gio Ott 15 , 2020
Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in considerazione dell’ordinanza predisposta dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, con cui si chiudono le scuole fino al 30 ottobre, reputa tale azione amministrativa necessaria e opportuna, anche in base alle segnalazioni fatte in più occasioni dal nostro team […]