Scandalo ASP di Trapani, Damiani confessa: “Presi i soldi da Manganaro”

Damiani comincia a collaborare con i Pm di Palermo. Sarebbe interessante, oltre a parlare della corruzione di cui è accusato, che parlasse della rete di potere politico- clientelare che lo sosteneva . Sapere anche quanti “favori ” ha fatto negli anni di servizio a Trapani, agli amici dei politici del territorio. In questi anni di gestione dell’ASP di Trapani , Damiani, ha preso molte decisioni tra incarichi e convenzioni. Tutte legittime? Magari ci può far sapere se qualche deputato locale che lo ha voluto ha Trapani, faceva pressioni per cortesie personali ad amici di corrente. Qualche primario da sistemare o qualche sanitario da trasferire da un ospedale all’altro per fare un piacere elettorale si trova sempre. Lo farà? Potrebbe essere molto utile a capire i tanti misteri della sanità trapanese

L’ex direttore generale dell’azienda sanitaria provinciale di Trapani, Fabio Damiani, ha ammesso davanti ai pm di Palermo di avere ricevuto una somma, compresa fra 37 mila e 50 mila euro, nell’ambito della vicenda oggetto di inchiesta da parte della Guardia di finanza e denominata “Sorella sanità”. Damiani è l’ex responsabile della Centrale unica di committenza della Regione Sicilia ed è in carcere dal 21 maggio, con l’accusa di corruzione, per avere fatto parte di una cricca che avrebbe condizionato gli appalti – da 600 milioni complessivi – della sanità siciliana.

Il 29 luglio Damiani ha accettato di farsi interrogare dai magistrati del pool coordinato dal procuratore aggiunto Sergio Demontis. “Effettivamente ho ricevuto da Salvatore Manganaro 50 mila euro il 4 dicembre 2018 – detta a verbale l’indagato – In realtà non erano 50 mila ma 37 mila complessivi“. Secondo la versione dell’ex manager, che tende a minimizzare e vorrebbe negare che si trattasse di una tangente, il suo collaboratore Manganaro avrebbe ottenuto quel denaro in virtù di alcuni favori fatti da lui stesso alla società Siram, che si era aggiudicata un appalto da 126 milioni per la fornitura dei vettori energetici e per la gestione degli impianti tecnologici dell’Asp 6.

Successivamente Manganaro avrebbe insistito perché Damiani accettasse una parte di quei soldi: “E io purtroppo li ho presi“. La versione non convince i pm Giovanni Antoci e Giacomo Brandini: in precedenza lo stesso Manganaro aveva ammesso di avere preso 100 mila euro dal dirigente della Siram, Crescenzo De Stasio, detto Salvatore, e di averli divisi con Damiani. Quest’ultimo, in sede di interrogatorio, e’ poi costretto ad ammettere pure di avere ricevuto da Manganaro un bancomat e, secondo quanto risulta dalle chat di Telegram tra i due, da quel conto l’ex manager della sanita’ avrebbe fatto prelievi per 20 mila euro.

Fonte : Il Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Quel Pm che chiuse gli occhi sulla stretta di mano di Del Rio al boss calabrese

Mer Ago 12 , 2020
«Delrio ha stretto la mano al boss». ma il Pm archivia   Dalle chat di Palamara viene fuori un altro capitolo inquietante sui i rapporti intrattenuti da alcuni magistrati e il PD Secondo quanto riportato dal quotidiano “la Verità”, Palamara con la corrente UNICOST lavorarono per nominare Marco Mescolini a […]