Magistrati e correnti: Sirignano dell’antimafia intercettato su Di Matteo :” è un mezzo scemo”

Caso Palamara, salta Sirignano dall’antimafia: “Di Matteo è un mezzo scemo”

 
 
 

Caso Palamara, salta Sirignano dall’antimafia: “Di Matteo è un mezzo scemo”

Il caso Palamara tiene banco non solo al tribunale di Perugia, ma anche al Csm. Si decide oggi sulla posizione di Cesare Sirignano membro della direzione nazionale antimafia. Si valuta l’incompatibilità ambientale del magistrato. Nella primavera 2019 Sirignano viene intercettato mentre parla al telefono con Luca Palamara – si legge sul Fatto Quotidiano – ed esprime giudizi su Nino Di Matteo, al centro del dibattito politico per la questione legata al ministro Bonafede e al suo mancato incarico. Sul collega i giudizi non sono lusinghieri: “E’ un mezzo scemo e voi lo avete portato come se fosse il padreterno in croce. Bisogna parlare con Federico (Cafiero De Raho)”. La telefonata è del 7 maggio e fatalità vuole che il 26 maggio – come riporta il Fatto – De Raho estromette Di Matteo dal pool, per aver a suo dire rivelato in un’intervista tv riflessioni dello stesso pool. La relazione di Zaccaro (Area) è molto dura. “Non si è limitato a condividere con Palamara critiche aspre verso i colleghi, ma le ha inserite in un disegno volto ad inserire le pedine nei posti giusti dell’ufficio”.

Fonte: Affari

Lascia un commento

Next Post

CODICIAMBIENTE E SETTIMANA LAUDATO SI’

Mer Mag 20 , 2020
Quest’anno ricorre il quinto anniversario dall’Enciclica “ Laudato Sì “ in cui Papa Francesco, tra l’altro,   si sofferma sul rispetto e sulla tutela del creato da parte dell’uomo. La natura nella sua biodiversità animale e vegetale  va salvaguardata sia per conservare la vita nel pianeta terra che per evitare  catastrofi […]