Roberta Lala (Vox Italia) scrive al presidente Musumeci sull’uso delle mascherine

La sottoscritta Roberta Lala in qualità di segretario provinciale di Vox Italia Agrigento,avendo ascoltato il comunicato stampa del presidente Musumeci, relativo alla fase due, apprendo con notevole stupore, l’imposizione nei confronti della popolazione siciliana di usare le mascherine anche negli spazi esterni al di là degli assembramenti.

Tale decisione  di contrappone a diverse tesi mediche le quali sostengono che l’uso prolungato ed in questo caso ingiustificato  della mascherina specialmente con il caldo di questi tempi, provoca danni alla salute,uno tra questi riguarda i problemi respiratori.

La mascherina costituisce una barriera che rallenta lo scambio tra anidride carbonica espirata e l’ossigeno esterno.

L’uso protratto durante la giornata può causare mal di testa, giramenti di testa, confusione e nei casi più gravi lo svenimento, pertanto la misura da voi adottata in caso di camminata in spazi aperti la trovo inutile e dannosa. Cosa diversa potrebbe essere l’uso esclusivo nei luoghi chiusi con una breve permanenza.

Obbligare l’uso della mascherina in spazi aperti dove non ci sono assembramenti non giova a nessuno è assolutamente inutile e dannoso, mi auguro prendiate atto di questa situazione e lasciate libera la gente di respirare passeggiando,sacro santo diritto di ogni essere umano.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Il CNDDU sul "Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione" (INAIL)

Lun Mag 18 , 2020
Il CNDDU manifesta notevole preoccupazione in relazione alla recente pubblicazione del documento  INAIL relativo al “Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione” nel quale vengono indicate  le classi di rischio per alcuni dei principali settori lavorativi. […]