Antimafia: i Carabinieri scoprono il falso attentato del giornalista campano, de Michele

L’attentato è falso, almeno secondo gli inquirenti che hanno indagato sul caso.Mario de Michele ha ingannato tutti con pistolettate alla sua auto non camorriste. Un altro esempio di megalomania da antimafia a chiacchiere e giocando sulla pelle altrui per fare carriera. Anche questo episodio conferma la regola. Ci sono giornalisti seri e scrupolosi che non cercano visibilità con falsi attentati o con il vittimismo di facciata. Ci sono giornalisti all’Attilio Bolzoni seri e professionali e ci sono i giornalisti amici di Montante.

I giornalisti di facciata , carrieristi e senza scrupoli, pronti a diventare vittime anche senza motivo, fanno male alla vera lotta alla mafia. Alla fine fanno il gioco dei poteri forti


Mario de Michele, giornalista di Cesa è indagato per simulazione di reato. Sul fatto indagano i magistrati della Dda di Napoli con i carabinieri del Gruppo di Aversa, guidati dal colonnello Donato D’Amato.
La notizia risale al novembre del 2019
Caserta, cronista denuncia: “Sparati diversi colpi contro l’auto. Ho paura”. Tra le ipotesi anche la camorra

Gli spari del 3 maggio contro la sua villetta non sono stati esplosi da un attentatore o da un camorrista. La ricostruzione data agli inquirenti è falsa e potrebbe essere falsa, le verifiche lo diranno, anche il denunciato attentato che a novembre ha portato Mario De Michele alla ribalta nazionale con una pioggia di interviste, approfondimenti e manifestate solidarietà. “Ho commesso gravi errori imperdonabili”, ha scritto il direttore di Campania Notizie nel suo ultimo editoriale annunciando “un passo di lato” e lasciando il testimone ad altri suoi colleghi. Sono tante ora, le cose che dovranno essere chiarite. Il perché? É solo uno dei tanti interrogativi. Ci sono complici? Era tutto un disegno? Cosa altro c’è da scoprire? Chi sapeva?Domande plausibili che aprono una voragine e che mettono in dubbio tutto quello che il direttore della testata on line ha riferito fino a questo momento. Le indagini vanno avanti. Risvolti ulteriori sono attesi nelle prossime ore.

Fonte: IReport

Lascia un commento

Next Post

«Dunque, dove eravamo rimasti?» Trentadue anni fa ci lasciava Enzo Tortora" massacrato da magistrati poco attenti

Lun Mag 18 , 2020
Il 18 maggio del 1988 ci lasciava Enzo Tortora, il conduttore divenuto il simbolo degli errori giudiziari Se c’è un’immagine simbolo della giustizia spettacolo, della gogna inutile, che scava, fino a corroderle totalmente, le vite umane, allora è quella di Enzo Tortora in manette, a favore di cronisti, dopo il […]