Giustizia: si dimette il capo di gabinetto di Bonafede intercettato assieme a Palamara per garantire poltrone

Bonafede e il suo staff. Un altra tegola sul Ministro. Si dimette il capo di gabinetto Baldi per le conversazioni intercettate con Palamara


La bufera continua a soffiare al ministero della Giustizia e sulla giustizia italiana che mostra evidenti segni di lobbismo. Le dimissioni di Fulvio Baldi rassegnate per motivi personali fanno discutere.

Il Guardasigilli lo ha ringraziato per il lavoro svolto
L’ex pm sotto inchiesta a Perugia per corruzione, chiama Baldi “Fulvietto”, e gli raccomanda per il ministero i suoi amici della corrente di Unicost, che è la stessa di Baldi (“se no che c… li piazziamo a fare i nostri?”)

Un’altra “vittima”, e anche questa volta di alto livello, dell’ex pm Palamara per via delle sue intercettazioni. Per giunta in un momento politicamente molto difficile per il Guardasigilli grillino Alfonso Bonafede. È costretto a dimettersi il suo capo di gabinetto, Fulvio Baldi, toga di Unicost, “dopo un colloquio con il ministro della Giustizia”, come recita di buon’ora un comunicato di via Arenula.Palamara è sotto inchiesta proprio per il caso delle nomine pilotate. Sapremo mai la verità? I rischio di “affossare” l’inchiesta è sempre alto.

Lascia un commento

Next Post

Giornata internazionale contro l'omofobia

Ven Mag 15 , 2020
Il 17 maggio è la Giornata internazionale contro l’omofobia; il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani, in linea con le indicazioni del Ministero dell’Istruzione, intende segnalare la necessità, in vista di tale ricorrenza, di proporre agli istituti scolastici i temi del rispetto della persona nella sua globalità, della […]