Di Maio respinge le accuse tedesche sui soldi alla mafia:” E’ inaccettabile”

Die Welt: “Se date soldi all’Italia li date alla mafia”.

I 5S protestano ma Italia uguale mafia è  stato anche il loro racconto e della sinistra radicale. Adesso , la -poca fiducia europea- si applica anche a questo governo

La scusa “di lu malu pagaturi”

Una posizione  quella europea che indica una chiara sfiducia anche nelle istituzioni italiane. E anche vero che, molti soldi dei fondi comunitari, sono andati  negli anni passati,ai mafiosi e loro amici potenti, attraverso l’evidente complicità anche delle regioni e della burocrazia collegata.  Diverse le truffe effettuate anche alla collaborazione di servitori dello Stato.  I magistrati sono sempre arrivati tardi e  spesso hanno guardato solo da una parte politica.

Non ci si nasconda dietro il paravento. L’Italia ha dato un’immagine di se molto approssimativa e anche facilmente preda di mafia e poteri forti. Poi,  obietivamente,  perchè la mafia è diventata forte?  Qualcuno ha chiuso gli occhi per troppi anni e lo Stato ha lasciato troppo spazio alle mafie nelle regioni più povere. Oggi il ragionamento vale per tutte le regioni: rosse, verdi e bianche

Ma chi in questi anni ha raccontato al resto del mondo che l’economia italiana è nelle mani delle “mafie più potenti del mondo”? L’Italia stessa che per battaglie anche politiche ha dipinto l’Italia come Paese dove alcuni governanti sono arrivati  al potere con l’aiuto della mafia.

Certo, i paesi dell’Unione Europea dovrebbero aiutarsi a vicenda nella gestione della crisi da Coronavirus. Ma senza limiti? E senza controlli? In Italia la mafia non aspetta altro che una nuova pioggia di denaro da Bruxelles”. Le parole del quotidiano tedesco “Die Welt” hanno scatenato la reazione italiana, a cominciare da Luigi Di Maio .

Ma chi in questi anni ha raccontato al resto del mondo che l’economia italiana è nelle mani delle “mafie più potenti del mondo”? L’Italia stessa, naturalmente, e soprattutto i grillini. A cominciare da Nicola Morra che oggi non replica ribaltando la visione farlocca di un Paese in mano alle mafie, ma spiega che la mafia, quella italiana, ormai domina anche l’economia tedesca. Il modo più autolesionista per confermare il pregiudizio tedesco.

L’allarme di “Die Welt” arriva per scoraggiare l’immissione di denaro pubblico europeo nelle casse italiane: “Signora Merkel, punti i piedi – scrive Die Welt –  una delle questioni più importanti che si pongono di fronte alla pandemia – prosegue il giornale – è ‘fino a che punto deve arrivare la solidarietà finanziaria tra i 27 stati membri?’”. Certo, prosegue, “dovrebbe essere generosa”.

“Ma senza alcun controllo? E senza limiti? La solidarietà è un’importante categoria europea, ma anche la sovranità nazionale e l’obbligo dei politici di rendere conto ai propri elettori sono fondamentali”.

“Dovrebbe risultare evidente – prosegue il commento della Welt- che gli aiuti finanziari all’Italia – dove la Mafia è una costante a livello nazionale ed attende ora unicamente una nuova pioggia di denaro da Bruxelles – dovrebbero essere spesi unicamente nel sistema sanitario e non approdare ai sistemi sociale e fiscale del paese. E naturalmente gli italiani dovrebbero essere controllati da Bruxelles e dimostrare di investire il denaro correttamente. Anche nella crisi da Coronavirus i fondamenti essenziali dell’Unione dovrebbero continuare a valere”.

Parola di tedesco. Anzi no: parola di italiano…

Fonte: Il Dubbio

Lascia un commento

Next Post

Partanna - Amministratori donano ventilatore polmonare e dpi all'ospedale di Castelvetrano

Gio Apr 9 , 2020
Partanna, donato un ventilatore polmonare e dei Dpi all’ospedale di Castelvetrano Tute, mascherine e occhiali protettivi per il personale della Rianimazione e del 118   PARTANNA. Un gesto concreto di solidarietà collettiva da parte degli amministratori e degli anziani di un circolo cittadino. Il sindaco Nicolò Catania, gli assessori, il […]