Coronavirus, Crimi: “Credito fino a 25mila euro per pmi”

”E’ stata una lunga domenica e anche una lunga notte” di lavoro per mettere a punto i nuovi provvedimenti economici a favore di imprese e famiglie di fronte all’emergenza Covid-19. ”Sicuramente su una cosa siamo fermi: cioè deve essere consentito alle pmi una piccola erogazione di credito. Abbiamo pensato fino all’importo di 25mila euro, totalmente garantita dallo Stato e che non preveda alcun tipo di valutazione da parte della banca. Questo significa erogazione diretta a richiesta senza valutazione se non quella della necessità di avere liquidità”. Lo ha assicurato il senatore Vito Crimi, leader politico M5S, ai microfoni di Rtl 102.5, ed ha aggiunto: ”Abbiamo previsto una gradualità di interventi per garantire immediata liquidità alle imprese”.

 

A chi gli chiedeva quanto le aziende potranno chiedere allo Stato e se ci saranno nuove ‘iniezioni’ di denaro per fronteggiare l’emergenza economica legata al Covid, Crimi ha risposto: ”Per poter fare delle misure servono le coperture economiche. A breve dovremo stanziare nuovi soldi con nuovo debito pubblico e per farlo avremo bisogno di una procedura più complessa. In questo momento, ovvero ad oggi, abbiamo una quantità finita di risorse da poter stanziare. E’ chiaro che appena potremo fare un nuovo scostamento di bilancio, potremo avere ulteriori stanziamenti” a disposizione. In questo momento, l’ipotesi su cui si sta lavorando è quella di una distribuzione di almeno 6-7 anni ma è legata alla quantità di risorse disponibili”.

Fonte: ADN Kronos

Lascia un commento

Next Post

Cresce la tensione nelle carceri, si temono nuove rivolte fra Sicilia e Campania

Lun Apr 6 , 2020
“Cresce la tensione nelle carceri italiane, soprattutto in quelle del sud. Particolare attenzione a quelle siciliane e campane che potrebbero essere di nuovo focolaio per  l’inizio delle rivolte. Le aspettative nate dopo l’ondata di ribellioni non troveranno sicuramente soddisfatte le attese di tutti, soprattutto di quelli che hanno mosso le precedenti sommosse”. L’allarme lo […]