Risoluzione M5S all’Ars: “Sostenere le quattro città siciliane candidate a Capitale della cultura 2021”

“Il governo regionale deve sostenere con tutti i mezzi le quattro città siciliane candidate a capitale della cultura 2021”: ne sono convinti i deputati regionali del Movimento 5 Stelle e membri della commissione Cultura all’Ars, Giovanni Di Caro, Roberta Schillaci, Nuccio Di Paola e Ketty Damante. Proprio oggi la commissione ha approvato la risoluzione M5S che impegna il presidente della Regione e gli assessori per i Beni culturali e l’identità siciliana e per il Turismo, lo sport e lo spettacolo a supportare le quattro città siciliane, ovvero Modica, Palma di Montechiaro, Scicli e Trapani, disponendo adeguate risorse economiche per progetti e iniziative legati alla candidatura.

 

“Il governo Musumeci – esorta Di Caro, firmatario della risoluzione – ha il dovere di investire sulle quattro città candidate, che andrebbero premiate già solamente per il fatto di aver trovato le energie e di essere con le carte in regola per poter concorrere. Come gruppo parlamentare convocheremo immediatamente i sindaci delle città interessate, per capire quale sia il fabbisogno necessario ad integrare e migliorare il loro dossier e quindi la forza della candidatura presso il ministero dei Beni e delle attività culturali, soggetto promotore dell’iniziativa”. 

 

“Si tratta di una competizione – aggiungono i componenti M5S in commissione  – motivo di vanto e orgoglio per la Sicilia. Le quattro città, su 44 italiane, ambiscono a diventare testimonial della cultura siciliana e a rappresentarne l’identità storica e il ricco patrimonio artistico e monumentale. Dopo Palermo nel 2018, la Sicilia ci riprova con Modica, la città delle cento chiese, a Scicli, definita da Vittorini come la città più bella del mondo; ancora Palma di Montechiaro, la città del Gattopardo e, infine Trapani, tra antiche vie lastricate in pietra, la fontana di Venere e le Mura di Tramontana, passeggiata sul mare che termina con il Bastione Conca. Una rosa di bellezze che meritano di essere portate sul palcoscenico nazionale, attraverso la dovuta pianificazione e un’azione decisa ed economicamente vigorosa da parte del governo regionale”.  

 

Lascia un commento

Next Post

Sanità, Infermieri, ULS: “Da Radio Globo affermazioni gravi contro l’immagine della categoria”

Mer Feb 26 , 2020
Riteniamo vergognose le affermazioni fatte durante una trasmissione radiofonica mattutina dell’emittente Radio Globo sulla professionalità degli Infermieri, ancor di più in un contesto di emergenza sanitaria in corso per il COVID-19 – dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS-UnioneLavoratori Sanità -. Oltre 450 mila Infermieri italiani si sono visti descrivere nella loro […]