SICILIA, CORRAO (M5S): DA REGIONE USO DISTORTI FONDI EUROPEI

6.000 LAVORATORI SONO SENZA STIPENDIO DA ANNI. CASO ANCORA IN COMMISSIONE PETIZIONI

Bruxelles 2 dicembre 2019 –

“In Sicilia ben 6.000 lavoratori del settore della formazione professionale sono da mesi senza stipendio ed è tutta colpa della Regione che non ha rispettato il programma di formazione professionale cofinanziato dal Fondo Sociale europeo.

Il Movimento 5 Stelle sostiene la petizione discussa oggi al Parlamento europeo e presentata da ben 1.385 cittadini e per questo ringraziamo per l’impegno l’europarlamentare Eleonora Evi.

Siamo riusciti a non fare archiviare la petizione dalle autorità europee.

È evidente la violazione dei loro diritti, i licenziamenti collettivi sono stati operati senza rispettare le garanzie occupazionali che prevedevano l’attivazione della mobilità.

La conseguenza è che ci sono oggi migliaia di famiglie vittime di un sistema malato e abbandonate al loro destino.

Tutti si comportano come Ponzio Pilato e fanno lo scaricabarile, la verità è che nessuno paga sulla malagestione delle risorse pubbliche”, così l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao a margine della Commissione Peti riunita oggi in Parlamento Europeo a Bruxelles in presenza tra l’altro della Commissione Europea e dell’avvocato Fasano, in rappresentanza dei 1400 formatori siciliani. 

“Chiediamo che le Istituzioni europee – spiega Corrao – forniscano risposte chiare ai cittadini che sono vittima di un cattivo uso di denari pubblici.

I fondi europei sono nati per promuovere l’occupazione, l’inclusione sociale, la lotta alla povertà e ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali tra le regioni europee.

E invece per troppi cittadini si sono trasformati in una vera e propria beffa” – conclude Corrao.

 

 
 

Lascia un commento

Next Post

Clima, COP25: Save the Children, nel 2019 le catastrofi naturali hanno causato oltre 1200 vittime in Africa orientale e meridionale

Lun Dic 2 , 2019
Almeno 33 milioni di persone in Africa orientale e meridionale[1], tra cui più di 16 milioni di bambini[2], sarebbero vittime dell’insicurezza alimentare causata dalle crisi climatiche, che in alcuni casi possono portare fino a una vera propria emergenza fame. Più di 1200 persone hanno perso la vita a causa di […]