“La riduzione del numero dei parlamentari, una vecchia ipotesi del PCI.”di on. Agostino Spataro

LA RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI E’ UNA IPOTESI MATURATA NEL PCI NEGLI ANNI ’80.

E non fu pensata per “risparmiare” – scrive l’on. Agostino Stataro – ma soprattutto per armonizzare e rendere più funzionali i diversi livelli legislativi e amministrativi del nostro Paese.

Per questo la riproposi nel 2012…. Ieri é stata approvata dalla Camera dei Deputati con gli stessi tagli numerici già proposti da noi.

Non si capisce la ragione di tanto imbarazzo, a sinistra.

Trattasi di un progetto di riforma del Pci, purtroppo accantonato come tanti altri che i suoi “eredi” hanno abbandonato ai ciarlatani senza fissa dimora.

 
 

Lascia un commento

Next Post

Ars, presentato ddlper stabilizzazione precari anche nei comuni in dissesto o con piano di riequilibrio approvato

Mer Ott 9 , 2019
Calderone (FI): “Evitiamo un’ingiustizia sociale che crea solo disparità di trattamento” “Le sorti lavorative di un precario non possono essere caratterizzate dall’appartenenza a un Comune virtuoso o in dissesto finanziario. Non è giusto che un lavoratore possa essere stabilizzato solo se all’interno di un Ente Locale virtuoso. Oggi, unitamente al […]