CON L’ACQUA ALLA GOLA – mobilitazioni in Sicilia

In data 16 settembre, come Rete degli Studenti Medi Sicilia saremo davanti alle scuole e nelle piazze delle varie province con dei flash mob.
 
Le principali rivendicazioni portate in questa giornata toccheranno il tema dell’ambiente e del cambiamento climatico, la questione generazionale, i giovani del Sud e il loro futuro, la condizione degli studenti e delle scuole in Sicilia spesso non prese in considerazione dal governo Nazionale.
 
Nel capoluogo di Regione, la rete degli studenti medi Palermo, alle ore 12 presso la cattedrale, farà un flash mob  per ribadire la condizione in cui vivono i giovani e il cambiamento climatico che influisce sulle nuove generazioni.
“Siamo una generazione a cui stanno rubando il futuro con delle politiche di sviluppo che hanno distrutto l’ambiente, la scuola e il mondo del lavoro” dichiara Marta Sabatino, coordinatrice della rete degli studenti medi Palermo, “scenderemo il piazza il 27 settembre per il terzo sciopero globale per il clima e continueremo a mobilitarci ad ottobre per chiedere investimenti strutturali sulla scuola, sul sud e sul lavoro. Cambiamo il sistema, non il clima!”
 
Nella provincia di Messina, la rete degli studenti medi sarà presente sia sulla città di Messina con un volantinaggio sia davanti alle scuole della provincia, Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto, con un sit in. ” Territori come quello della
Provincia di Messina risentono pesantemente dei tagli dell’istruzione, che vanno ad aggravare ulteriormente problemi come la situazione strutturale dei plessi, l’abbandono scolastico e il problema dei trasporti” dichiara Francesco Gitto, coordinatore provinciale della rete degli studenti medi Messina ” inoltre non può passare in secondo piano la questione ambientale ed è proprio dal mondo della scuola che deve partire questo cambiamento”
 
“Gli studenti sono con l’ acqua alla gola,  cioè sono stufi delle snervanti condizioni nelle quali sono costretti a vivere la scuola, chi diceva di voler risolvere problemi infrastrutturali non l’ ha fatto, chi ha tentato di introdurre strutturali novità didattiche e valutative ha fallito.” dichiara Giuseppe Barrese, esecutivo rete degli studenti medi Sicilia “E poi c’ è la lotta per il clima che segna un momento importante per il movimento studentesco e che la Rete degli Studenti Medi intende cogliere mettendo assieme le nuove lotte e le classiche esperienze rivendicative”
 

Lascia un commento

Next Post

Controllo del corpo Forestale sul Parco delle Madonie. Si è aperta la stagione venatoria

Lun Set 16 , 2019
Parte la stagione venatoria in Sicilia e inizia dunque anche sul territorio del Parco Delle Madonie. L’assessore al territorio e Ambiente Totò Cordaro ha dato disposizione al Corpo Forestale di far rispettare la legalità e la sicurezza all’interno del territorio dei parchi siciliani. A tal riguardo dunque è già stato […]