COMANDO DEI VIGILI DEL FUOCO DI CATANIA, ORGANICO INSUFFICIENTE.

LA DENUNCIA DELLA UILPA : MANCANO NOVANTA UNITÀ

“Gli incendi che, nei giorni scorsi, si sono abbattuti sul territorio etneo hanno riacceso i riflettori sulla cronica carenza di personale operativo che affligge il Corpo dei Vigili del Fuoco: sia la politica che l’amministrazione centrale non possono più ignorare lo stato di sofferenza in atto”: con queste parole Armando Algozzino e Massimo Parisi, rispettivamente segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione e segretario provinciale della UILPA VVF di Catania, tornano a chiedere per la città maggiore attenzione, in considerazione delle specificità che la caratterizzano.

         “Per una Citta metropolitana come Catania – affermano gli esponenti sindacali – le emergenze sono ormai diventate una routine e, malgrado il Comando dei VVF figuri tra i primi cinque d’Italia per numero di interventi, esso possiede l’organico di una provincia italiana media e mezzi assolutamente insufficienti, anche alla luce dei rischi sismici e vulcanici : basti pensare che sono solo tre le squadre cittadine che, quotidianamente, devono fronteggiare tutte le chiamate che arrivano”.  

         “In termini generali, tutto il Corpo Nazionale sperimenta una cronica carenza di organico – spiega Parisi – ma ci sono Comandi, come quello di Catania, che soffrono più di tanti altri; in termini numerici, ad oggi mancano 52 unità su 494 teoriche, alle quali occorre aggiungere quelle trasferite temporaneamente presso altre sedi, circa 30, e il personale non più operativo per problemi di salute : complessivamente, mancano 90 unità”.

         Secondo il sindacato, nello specifico, le criticità andrebbero esaminate sia sotto il profilo politico che in relazione alle peculiarità territoriali.

         “Il primo fattore – spiegano Algozzino e Parisi  – è legato al sottodimensionamento dell’organico teorico, quindi alla mancata assegnazione, al Comando etneo, di risorse umane, a fronte di un potenziamento complessivo del Corpo di oltre 2.000 unità negli ultimi anni: per essere chiari, la politica ha scelto di privilegiare il Nord Italia, dimenticando completamente Catania che, forte dei suoi 18.000 interventi l’anno, figura appunto tra i Comandi più operativi d’ Italia”.

Lascia un commento

Next Post

Nicastri apre uno squarcio nel sistema corruttivo: "non ho finanziato il boss, ma politici e burocrati"

Lun Lug 22 , 2019
Il ‘re dell’eolico’ collabora con i magistrati di Roma, trema la burocrazia corrotta anche in Sicilia Parla Vito Nicastri, il “re” dell’eolico: “Mai avuto rapporti con la mafia” Tra il 2005 e il 2012 sono stati spesi milioni di Euro in pale eoliche. Nicastri respinge le accuse che lo descrivono […]