Antimafia. De Luca e Schillaci (M5S): “Grave che Turano non mise in guardia Pierobon su Arata e Nicastri”

Palermo 3 luglio 2019 – “Dispiace sapere che un assessore di questa Regione non faccia squadra con i propri colleghi di governo. L’assessore Turano avrebbe dovuto informare il collega Pierobon che le richieste progettuali provenienti da Arata avevano dietro faccendieri come Nicastri. Quindi è grave che Turano non mise in guardia Pierobon su Arata e Nicastri”. A dichiararlo sono i deputati regionali del Movimento 5 Stelle Antonio De Luca e Roberta Schillaci a margine dell’audizione in Commissione Antimafia all’Ars dell’assessore regionale alle Attività Produttive Mimmo Turano, sul caso Siri-Arata.

“L’assessore Turano – spiegano i deputati – conosceva certamente meglio di Pierobon fatti e personaggi del territorio trapanese di cui lui è originario. Anche l’audizione odierna non ha chiarito come mai, nonostante l’assessore Turano avesse appreso dallo stesso Arata che il consulente per quei progetti era Vito Nicastri, non abbia ritenuto utile informare il collega assessore Pierobon. Ci piacerebbe – sottolineano i deputati – che i siciliani fossero nelle mani di assessori che saltino dalla sedia quando sentono nomi di personaggi come Nicastri. Assessori che siano capaci di allontanare la Regione Siciliana da qualsiasi contatto o progetto con aziende o personaggi dalla dubbia natura” – concludono De Luca e Schillaci.

Lascia un commento

Next Post

Stop agli accessi ai palazzi del potere senza i giusti controlli. Ok in commissione a ddl del M5S che istituisce il registro dei lobbisti alla Regione”

Gio Lug 4 , 2019
Il disegno di legge, a firma di Luigi Sunseri, pronto per l’aula. il deputato: “Faremo di tutto per farlo calendarizzare prima possibile, il caso Arata dimostra che bisogna accelerare sulla strada che garantisca la massima trasparenza nei rapporti degli esterni con la pubblica amministrazione”.Stop agli accessi ai palazzi del potere […]