Taglio vitalizi, Cancelleri: “Miccichè e i partiti non hanno più scuse”

Ora Micciché e tutti i partiti che si appigliavano all’incostituzionalità del tagli dei vitalizi non hanno più scuse. Il ricalcolo degli assegni non è incostituzionale e lo dice la Consulta, mica Pinco Palla”.

Lo dice il deputato all’Ars, Giancarlo Cancelleri (M5s). “La sentenza della Corte costituzionale di questi giorni – aggiunge Cancelleri – riguarda i tagli decisi dal Trentino Alto Adige per i consiglieri regionali, ma stabilisce un principio universalmente valido e quindi applicabile anche per la Sicilia. Ora non ci sono più scuse, si tagli e lo si faccia subito. Chi si opporrà dovrà spiegare ai siciliani che per salvare un privilegio medievale farà saltare trasferimenti statali alla Regione di circa 70 milioni di euro, una enormità in questi tempi di vacche magre”.

“La settimana prossima – continua Cancelleri – si dovrebbe insediare la commissione che dovrà decidere sul destino dei vitalizi. Vediamo cosa argomenteranno ora i partiti per continuare a tenere in vita questo assurdo privilegio che all’Ars costa ogni anno 18 milioni di euro. Tagliando se ne risparmierebbe la metà, evitando, tra l’altro, la drastica riduzione dei trasferimenti statali, cosa che sconterebbero come al solito i siciliani, sotto forma di riduzione e cancellazione di servizi essenziali”.


Read more at https://www.blogsicilia.it/palermo/taglio-vitalizi-cancelleri-micciche-e-i-partiti-non-hanno-piu-scuse/482851/#edZvSvZSJrZg5ekg.99

Lascia un commento

Next Post

Giuseppe Tomasi di Lampedusa e l’attualità de “Il Gattopardo” tra vero e falso cambiamento

Sab Mag 11 , 2019
Poco spazio viene dato nei libri di storia e di letteratura ad un personaggio molto rilevante nel panorama culturale italiano che ha raccontato molto del suo tempo e che continua ancora oggi a narrare e a spiegare le vicende più attuali. Si tratta di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Nato a Palermo il 23 […]