Pasquale Grasso è il nuovo presidente dell’Associazione Magistrati

Il giudice genovese di Magistratura indipendente eletto a capo del sindacato dei magistrati

Il sindacato delle toghe ha un nuovo responsabile. Esponente di punta delle toghe moderate di Magistratura Indipendente, il magistrato della procura di Genova sostituirà Francesco Minisci. In passato era Davigo il presidente

Esponente di punta delle toghe moderate di Magistratura indipendente, Grasso prenderà il posto del pm romano Francesco Minisci, in ossequio al criterio della rotazione annuale dei vertici dell’Anm, avviata nel 2016 quando fu eletta una Giunta unitaria. 

Il giudice di Genova Pasquale Grasso, esponente di Magistratura Indipendente, è il nuovo presidente dell’Associazione nazionale magistrati. Nella riunione di sabato il comitato direttivo centrale del sindacato delle toghe ha eletto la nuova giunta: il nuovo segretario è Giuliano Caputo (Unicost), pm a Santa Maria Capua Vetere, mentre la vicepresidenza è andata a Luca Poniz, pm di Milano e rappresentante di Area.


Grasso resterà in carico un anno, poi nel 2020 magistrati italiani saranno chiamati a votare per rieleggere i loro rappresentanti. Il giudice ligure è noto per essere stato a capo dell’ufficio “sindacale” delle toghe di Mi. Fra i temi affrontati, le condizioni di lavoro dei magistrati, il trattamento pensionistico, quello retributivo, la responsabilità civile. La presidenza ad un magistrato di Mi avviene alla vigilia delle elezioni europee del prossimo 26 maggio. Magistratura indipendente è il gruppo associativo delle toghe che ha sempre evitato in questi anni lo ‘ scontro’ con il potere politico, non entrando in polemica su scelte legislative che non riguardassero direttamente lo status dei magistrati

Fonte: Il Dubbio

condividi su:

Lascia un commento

Next Post

Operazione "Anno Zero" a giudizio 18 indagati

Sab Apr 6 , 2019
Mafia, operazione “Annozero”: rinviati a giudizio in 18 La prima udienza del processo, davanti il Tribunale di Marsala, sarà il prossimo 28 maggio – Ventidue furono, allora, i provvedimenti di fermo emessi su richiesta della Dda e 33 gli indagati Il giudice delle udienze preliminari di Palermo, Cristina Lo Bue, […]