Montante rinviato a giudizio, sceglie il rito abbreviato

Montante. L’imprenditore sceglie il rito abbreviato

Ad occuparsi del caso è Graziella Luparello, salvati tutti gli atti già fatti. Il processo inizierà il 15 novembre
 L’eccezione di incompatibilità per il giudice, presentata da uno dei legali degli imputati, aveva fatto temere il peggio per l’udienza preliminare che vede protagonista il leader di Confindustria Antonello Montante. Il gup David Salvucci si era infatti già occupato, come gip, di disporre la proroga di alcune intercettazioni, durante le indagini. Adesso, il presidente del tribunale di Caltanissetta ha nominato un altro giudice per questo caso, è Graziella Luparello, che questa mattina ha ripreso l’udienza. Scampato dunque il pericolo della scadenza dei termini di custodia cautelare, che il 14 novembre avrebbe portato alle scarcerazioni.

Gli atti sin qui compiuti dal giudice Salvucci sono salvi, l’udienza è proseguita con le eccezioni presentate dai legali degli imputati. Gli avvocati Nino Caleca e Giuseppe Panepinto, che assistono Montante, hanno chiesto l’annullamento delle intercettazioni, per difetti di forma, e anche il trasferimento del processo a Roma. Istanze rigettate dal giudice. A questo punto, Montante ha chiesto tramite i suoi legali il rito abbreviato, così otterrà lo sconto di un terzo della pena. Intanto resta in carcere, per un altro anno. Il processo Inizierà il 15 novembre. Hanno chiesto l’abbreviato anche il colonnello Gianfranco Ardizzone, ex comandante provinciale della Guardia di finanza di Caltanissetta, il sostituto commissario Marco De Angelis, il questore Andrea Grassi, il capo della security di Confindustria Diego Di Simone Perricone e il dirigente regionale Alessandro Ferrara.

 

Fonte : Repubblica

Lascia un commento

Next Post

In Sicilia molti comuni rischiano il default , tra questi anche Catania gestita dal Pd per anni con Bianco

Gio Nov 1 , 2018
Un Comune siciliano su quattro al crac: e a Catania, saltano gli stipendi L’Isola ha il record in Italia di amministrazioni in dissesto.  A Catania e a Messina i dipendenti comunali ieri sono scesi in piazza. Palazzo degli Elefanti non ha pagato gli stipendi di ottobre, il Comune, gestito dal […]