Giustizia: le notevoli differenze tra il processo penale all’italiana e quello americano considerato molto più moderno e funzionale


Il processo Americano e quello Italiano sono entrambi accusatori , dove è sempre l ‘accusa che deve dimostrare la colpevolezza dell’ imputato

Due sono le grandi differenze tra i due sistemi e che indicano in modo sufficiente i grandi sconquassi del sistema giudiziario italiano e la possibile giustizia orientata

Il processo penale americano è con Giuria (scelta tra il cittadini della comunità territoriale) con il contraddittorio della accusa e della difesa per la scelta dei singoli giurati, in Italia invece no . Quando si agisce con la presenza dei giudici popolari è il Tribunale a convocarli (collegio di giudici con un membro che è un cittadino comune con la veste di Giudice popolare che sta li a guardare). Con il rito abbreviato che in America non  esiste come metodo,  è il Gup che gestisce il processo. Il Gup è un magistrato che proviene quasi sempre dalla magistratura inquirente. In altre parole, un giudice per le indagini preliminari o  un giudice per le udienze preliminari che determinano praticamente chi mandare al processo e chi prosciogliere hanno fatto anni di processi come pubblico ministero , acquisendo una formazione prevalentemente accusatoria. In america questo non esiste. La magistratura inquirente non può avere ruoli giudicanti.

Vi è l’indipendenza dell’ Accusa , come ordine “Giudiziario” dalla Magistratura Giudicante (la cosidetta parità tra accusa e difesa).

Invece, in Italia, come già detto, l’ accusa fa parte della Magistratura e nei giudizi penali, quasi sempre non vi è la presenza di una giuria popolare tesa a controllare.

Potrebbero ,eventuali azioni condizionate da politica o altre fonti   disturbare il lavoro dei giudici?.  Questo punto, ovvero quello della separazione delle carriere , con eventuali modi procedurali simili agli States non è di poco conto e certe forze di sinistra in Italia non lo vogliono toccare.  Negli Usa i ruoli sono distinti e c’è il controllo popolare sulle sentenze. Altro punto discriminatorio , tutto italiano,  è quello della diversa gestione del diritto tra accusa e difesa. In teoria, con il processo abbreviato che tratta processi molto complicati, il Gup dovrebbe conoscere le tesi dell’accusa e della difesa al momento della prima udienza ufficiale. Questo per evitare possibili condizionamenti nella valutazione dei documenti. Questo è il segreto di pulcinella. Quando i Pm fanno partire un’ operazione giudiziaria e ci sono arresti, sui giornali, spesso senza alcuna possibilità per gli indagati di conoscere le carte accusatorie , molte notizie dell’accusa finiscono su tutti i quitidiani e televsioni, con intercettazioni tagliate ad arte e facendo uso di tutto quello che l’accusa sostiene. Credere che il Gup no legga i giornali o guardi la televsioni risulta difficile. Occorre confidare sempre nella corrtettezza del giudice monocratico ma il rischio, come dicono gli americani di  “influencer” esiste e anche  in modo consistente.

Negli Usa questo rischio è minimo.

Nella procedura penale statunitense il Giudice , che non ha mai fatto l’accusatore a tutela delle parti, guida il processo , ammette o meno le prove insomma gestisce il processo .L’eventuale  colpevolezza o meno  vine valutata dalla giuria.

Vi sono una miriade di differenze , in USA si va dalla brady motion ( si annulla il processo se l’ accusa nasconde prove a favore della difesa) in Italia non succede nulla , il testimone a sorpresa in Italia invece è vietato , ed infine in USA non c’è la prescrizione per i reati importanti (Offences) ma solo per quelli piccoli di poco conto (Misleading)

Una popolo con un sistema giudiziario confuso non può vivere nel diritto

 

Redazione

Il Circolaccio

Lascia un commento

Next Post

Castelvetrano: il misterioso paradosso tra gli oltre 700 milioni di euro depositati nelle banche e la grave crisi occupazionale

Lun Feb 19 , 2018
  Non è supportato da un ragionamento economicamente compatibile l’indice di proporzione  calcolato tra i soldi che alcuni castelvetranesi hanno  conservato  nelle banche e alla Posta, con la grave crisi occupazionale ed economica che attraversa il territorio.  IL DATO NON E’ NUOVO Qualche hanno fa, il Giornale di Sicilia ,pubblicò […]