I Pm di Caltanissetta chiedono il rinvio a giudizio per la Saguto e altri 15 imputati

Chiesto il rinvio a giudizio
per Saguto e altri quindici

L’inchiesta nata a Palermo trasferita alla procura nissena. Tre imputati hanno chiesto l’abbreviato

La Procura di Caltanissetta, al termine di una requisitoria di cinque ore, ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo Silvana Saguto, accusata di corruzione e abuso di ufficio. Chiesto il processo anche per altri 16 imputati tra i quali il padre, il marito e due figli del magistrato. Tre coimputati di Saguto, i magistrati Tommaso Virga e Fabio Licata e il cancelliere del tribunale Elio Grimaldi, hanno fatto richiesta di essere giudicati con il rito abbreviato. L’inchiesta, nata a Palermo e trasferita a Caltanissetta per competenza ha svelato anni di mala gestione delle assegnazioni delle amministrazioni giudiziarie dei beni confiscati alla mafia.

L’udienza è stata rinviata al 6 novembre per le discussioni dei difensori degli imputati. Il processo è stato chiesto, oltre che per il magistrato, per l’amministratore giudiziario  Roberto Nicola Santangelo, per il padre della Saguto, Vittorio, per il marito Lorenzo Caramma e il figlio Emanuele, per il funzionario della Dia Rosolino Nasca, per i docenti universitari Roberto Di Maria e Carmelo Provenzano per la moglie e il collaboratore di Provenzano, Maria Ingrao e Calogera Manta, per l’ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, per l’amministratore giudiziario Aulo Gigante, per l’ex giudice della senza misure di prevenzione Lorenzo Chiaramonte e per l’amministratore giudiziario Walter Virga. Stralciata e trasmessa a Palermo la posizione del professor Luca Nivarra, mentre uno dei principali protagonisti dell’indagine, Gaetano Cappellano Seminara, ha chiesto e ottenuto di essere processato col rito immediato. Al centro dell’inchiesta, culminata a settembre del 2015 con una serie di perquisizioni negli uffici giudiziari della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, c’è la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla mafia, che per anni sarebbe ruotata attorno all’ex presidente e al suo cerchio magico. Secondo la tesi dell’accusa, alcuni fedelissimi della Saguto avrebbero avuto a turno le maggiori amministrazioni giudiziarie e in cambio il magistrato avrebbe ricevuto regali e favori. Le ipotesi di reato contestate, circa 80, vanno dalla corruzione, al falso, all’abuso d’ufficio, alla truffa aggravata. L’inchiesta fu avviata nell’estate del 2015, quando la Procura di Palermo, che indagava su illeciti nella gestione di una concessionaria sequestrata agli imprenditori mafiosi Rappa, sospettando responsabilità dei colleghi, trasmise gli atti ai pm di Caltanissetta, competenti per legge, essendo coinvolti magistrati.
Fonte: Live Sicilia

Il Circoalccio

Lascia un commento

Next Post

La Regione siciliana e il vergognoso vezzo elettorale delle assunzioni e prebende

Mer Ott 25 , 2017
Assunzioni, prebende e vessazioni Perché è stato bocciato il collegato proposto da Crocetta Ufficio stampa e ticket, sanatorie e norme con copertura ‘fantasma’. L’impugnativa di Palazzo Chigi Dentro quella legge, la presidenza del Consiglio dei ministri ha trovato di tutto: da assunzioni fuori regola, a potenziali prebende, da disposizioni che […]