Regionali: tanti i politici in corsa per gestire 17 miliardi di fondi Europei destinati alla Sicilia

Il «tesoro» della Sicilia: 17,6 miliardi per chi sarà il futuro Governatore
Sarà l’ultima occasione per fare uscire l’isola dalla profonda crisi che da anni imperversa nei territori. Sarà anche l’ultima possibilità per fare rimanere i giovani a lavorare nelle città siciliane dopo tanti anni di grossolani errori e malaffare

La lotta è sempre “pi la cutra”

Sono in arrivo una montagna di soldi. Oltre alla mafia dei grandi affari  , a chi faranno gola?

 Che domenica 5 novembre voti, si astenga nel segreto dell’urna o resti a casa, l’ultimo seme di speranza nella crescita che ogni siciliano, lattanti compresi, metterà nelle mani del futuro Governatore una cifra di  poco superiore a 3.491 Euro.

Quel gruzzoletto pro-capite, moltiplicato per gli oltre 5 milioni di residenti isolani, si trasforma infatti in un fiume di risorse: 17,6 miliardi.

È questa la dote complessiva dell’ultimo ciclo settennale comunitario (2014-2020) di promozione e sostegno dello sviluppo socioeconomico che il futuro presidente regionale sarà chiamato, dopo 23 anni di vane attese, a mettere completamente a frutto.

Senza contare che dal 1994 al 2020, per il solo mondo produttivo (agricoltura esclusa) sono stati destinati oltre 30 miliardi .

L’ultima boccata è ossigeno puro in una regione dove, secondo l’elaborazione di Sicindustria su dati Bankitalia/Istat  il debito nei confronti dello Stato è ancora di 5,3 miliardi  e dove la situazione economica e sociale  è sempre critica. Il tasso di disoccupazione a fine 2016 è del 22,1% (contro l’11,7% italiano) con punte superiori al 50% tra i giovani e il Pil pro capite è di 17.068 euro, circa i 2/3 del valore nazionale (26.500 euro). L’export è di poco superiore a sette miliardi, la gran parte dei quali (oltre il 60%) proviene dai prodotti chimici e petroliferi dei poli di Gela, Augusta e Milazzo. Se saltano quelli, salta il banco del reddito sociale.

Il volàno per la rinascita dell’isola o, quanto meno, per una prima sforbiciata al divario con il resto del Paese e dell’Europa, non passa, dunque, dalla quantità ma dalla qualità della spesa.

Qualità della spesa

Un concetto chiarissimo che è diventato un mantra per il presidente di Sicindustria, Giuseppe Catanzaro. «L’audacia e la qualità del Governatore – sintetizza Catanzaro – dovranno essere misurate sulla qualità della spesa che, finora, non ha dato i risultati sperati. Nel mondo la Sicilia ha un suo brand molto apprezzato che racchiude patrimonio storico monumentale, agroalimentare di eccellenza e turismo. Si tratta allora di gestirlo con una visione anche economica d’insieme: un’unica dorsale economica coordinata attraverso una strategia unica. Non è possibile che, finora, gli interventi siano stati parcellizzati tra quattro assessorati regionali, vale a dire attività produttive, agricoltura, turismo e beni culturali e altrettanti dipartimenti».

Fonte: Il Sole 24 Ore

Il Circolaccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Palermo: si indaga sulla compravendita di voti alle ultime elezioni amministrative

Sab Ott 21 , 2017
Lo schifoso vezzo del mercimonio elettorale che, probabilmente, non riguarda solo Palermo Microspie per le vie della città Il voto “inquinato” di Palermo Si è allargata l’inchiesta partita dalle dichiarazioni di un pentito su Fabrizio Ferrandelli Un’inchiesta nell’inchiesta che potrebbe svelare un grande scandalo elettorale. Ci sarebbero state irregolarità su […]