Regionali: Cancelleri si scaglia contro Musumeci sui candidati impresentabili

“La Commissione antimafia faccia pulizia, nessuna pietà con gli impresentabili”, Cancelleri contro le liste di Musumeci

 

Quello che chiedo alla commissione Antimafia è di fare il suo lavoro applicando il massimo rigore e la massima intransigenza. Con gli impresentabili nessuna pietà”.

Ieri lo aveva scritto in un post su facebook poi rafforzato anche da un post del candidato premier Luigi Di Maio, oggi lo ripete in una intervista al Corriere della Sera. Giancarlo Cancelleri candidato alla Presidenza della regione del Movimento 5 stelle torna sulla questione degli impresentabili nelle liste e risponde alle polemiche: “Siamo tranquilli. Altri, come Musumeci, sono molto nervosi”.

“Musumeci – aggiunge – non doveva accettare di avere in lista determinate persone, così fa solo come Ponzio Pilato. Noi vampiri? L’ho letto. Pensavo a uno scherzo“, dice in riferimento alle parole del candidato di Forza Italia: “Non mi abbasso al suo livello. Da settimane gli chiedo di confrontarsi su liste pulite e programma. Fugge e insulta”.

Gli indagati per le firme false a Palermo e a Bagheria? “Non sono persone in lista alle Regionali – replica Cancelleri -, le nostre liste sono pulite. Poi guardi che noi i provvedimenti li prendiamo. Il sindaco di Bagheria si è autosospeso. I deputati di Palermo citati da Musumeci anche o sono stati sospesi”. E anche con Virginia Raggi a Roma Molti “è stato fatto quanto previsto dal regolamento”. Di Battista ha detto che sarà difficile vincere in Sicilia. “Ci siamo sentiti. Alessandro – spiega – vuole dire che la vittoria non è scontata ma è alla nostra portata. Non credo ai sondaggi, ma è chiaro che la Sicilia è un termometro del Paese, e proprio per questo ci attaccano. Hanno paura”. “Grillo mi incoraggia. Sarà qui: prima arriva, meglio è”, conclude.

Lascia un commento

Next Post

Processo all'ex presidente Lombardo, la Corte d'Appello:"nessun summit con i mafiosi"

Lun Ott 9 , 2017
Processo a Raffaele Lombardo, la Corte d’Appello: “Nessun riscontro su summit con mafiosi” Così la terza Corte d’appello di Catania nelle motivazioni con cui ha assolto il 31 marzo scorso dall’accusa di concorso esterno all’associazione mafiosa l’ex governatore   CATANIA – “Il summit tra i vertici mafiosi e Raffale Lombardo nel […]