Il Monte dei Paschi di Siena , un buco miliardario e il Partito Democratico

Mps, il più grande scandalo bancario d’Europa targato Pd

Tutto questo è avvenuto a Siena città in mano al Pd per decenni e dove, ha cominciato la sua carriera politica  , il presidente Rosy Bindi.

Mancini presidente della fondazione ai magistrati disse:

“Al Monte dei Paschi decideva tutto il Pd”

Il presidente della Fondazione di fronte ai magistrati: “Le nomine dei vertici decise dai Ds e dalla Margherita”

Il Movimento 5 Stelle ha chiesto da tempo che si faccia piena luce su questo disastro finanziario ripagato con miliardi di Euro di denaro pubblico. L’antica banca senese è stata sempre controllata dagli amministratori locali che prima erano nei DS e poi nel PD

Perchè nessuno ne parla?Perchè la Bindi preferisce candidarsi in Calabria nel 2013 e non in Toscana?

Perchè le parole di Beppe Grillo e del suo movimento sono rimaste inascoltate? La Bindi con la commissione antimafia ha verificato infiltrazioni nei tanti miliardi di Euro spariti?

“Siamo qui per rendere pubblico il lavoro della prima commissione d’inchiesta nella storia istituita sul più grande scandalo finanziario d’Europa, uno scandalo che è avvenuto qui, in Toscana, e riguarda la più antica banca del mondo: il Monte dei Paschi di Siena”.

Con queste parole il presidente della commissione d’inchiesta del Consiglio regionale su Fondazione e Banca Mps, Giacomo Giannarelli (M5S), ha aperto la conferenza stampa in sala Gonfalone sulle due relazioni conclusive dei lavori.

Il presidente ha sintetizzato con qualche numero le dimensioni dello “scandalo”, ricordando che la banca nasce nel 1472. Oggi ha 544 anni ed un valore di 550 milioni, sceso a questo livello dai 5,7 miliardi del 2008.

La banca aveva  in portafoglio crediti deteriorati lordi per 47 miliardi. Oltre il 56% delle sofferenze nette è relativa ad operazioni di valore superiore al milione, fatte da grandi gruppi. Il prezzo pagato a Banco Santander per comprare Antonveneta è stato di 9,5 miliardi, mentre pochi mesi prima era stata acquistata da Abn Amro per 5,7 miliardi, con una plusvalenza di 3,5 miliardi. Il costo complessivo dell’operazione Antonveneta è stato di 9,25 miliardi di euro. Per contribuire al pagamento sono state emesse obbligazioni per 1,6 miliardi, con tagli minimi da mille euro, coinvolgendo quarantamila piccoli risparmiatori. Il piano di risanamento della banca ipotizza almeno ottomila esuberi. Il mercato ha bruciato 8 miliardi con gli  ultimi due aumenti di capitale (2011 e 2015). “Il disastro del Monte dei Paschi di Siena rappresenta un punto di non ritorno dell’intero sistema bancario – ha commentato Giannarelli – Quanto avvenuto non è successo per caso e, se ben compreso, potrebbe dare una grande lezione dalla quale ripartire”.

Secondo il suo presidente, la commissione ha accertato “gravi responsabilità della politica” e “gravi intrecci di poteri forti, non democraticamente rappresentativi, che hanno causato danni economici ai risparmiatori e minato la stabilità dell’erogazione del credito alle imprese”. Gravi responsabilità gravano anche sugli organismi di controllo, come Banca d’Italia, Ministero del tesoro, Consob, prosegue Giannarelli.
Le due relazioni conclusive sono state entrambe votate a maggioranza: quella del M5S, Lega, Sì-Toscana a sinistra, ha ottenuto l’astensione del gruppo Pd, che si è votato da solo la relazione, con astensione degli altri commissari.

I punti di divisione riguardano non solo la ricostruzione di quanto è successo, ma soprattutto le prospettive per il futuro. Secondo Giannarelli è necessaria una riforma di Consob, a garanzia dei risparmiatori e della trasparenza dei mercati, la reintroduzione della separazione tra banche d’affari e commerciali, una riforma delle fondazioni bancarie, con l’uscita dell’azionariato dalle banche. “Gli ultimi fatti su Monte dei Paschi di Siena raccontano in modo molto chiaro come non ci sia alcuna discontinuità col passato. E chi non sa imparare dal passato è condannato a ripetere gli stessi errori nel futuro – ha concluso il presidente della commissione – È inaccettabile la presenza dei partiti nella fase attuale di gestione. Ancora più grave è che questa delicata fase venga gestita da un presidente del consiglio non eletto da nessuno”.

“È una storia che al momento non ha visto colpevoli, segno di gravissima  deficienza dei sistemi di controllo della Regione, del sistema bancario dello Stato tutto”, ha dichiarato Claudio Borghi (Lega Nord), vicepresidente segretario della commissione, sottolineando che il danno di 40miliardi è di un ordine di grandezza iperbolico. “Scelte di persone hanno provocato un danno superiore a quello di un distruttivo terremoto. Possibile che nulla sia successo? – si è chiesto – Ci sono responsabilità di chi ha nominato, dell’opposizione che non ha fatto notare le anomalie, della magistratura. E la responsabilità clamorosa di Bankitalia, che non solo non ha controllato, ma ha messo il suo timbro sulle operazioni”. Borghi ha aggiunto che adesso stiamo andando verso la “beffa finale”, con il coinvolgimento degli obbligazionisti. “Stanno pensando di fare una conversione in azioni, con un inevitabile azzeramento del loro valore – ha concluso – A pagare è chi non c’entrava nulla. Non va bene. Grida vendetta. Occorre cercare le vere responsabilità: è doveroso, fosse solo per un po’ di dignità, verso chi ha visto la più antica banca del mondo finire a zero”.

Fonte :Blog di Grillo – Il giornale di Lucca

Il Circolaccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Caso Borsellino: IL CSM indaga sui magistrati e i falsi pentiti

Mar Set 26 , 2017
Via D’Amelio e il falso pentito Il Csm “indaga” sui magistrati Accolta la richiesta dei familiari di Paolo Borsellino. L’intervista della figlia Fiammetta Il grido di Fiammetta Borsellino è stato accolto. Il Consiglio superiore della magistratura ha aperto un fascicolo sul caso di Vincenzo Scarantino e riguarda i magistrati che […]