Regionali: Crocetta lascia a favore di Micari. Che poltrona avrà in cambio?

Il governatore Crocetta  non  si ricandida. Cosa è successo in queste ore? Quali garanzie ha ricevuto da Renzi per lasciare?

Lui e il  suo  corposo codazzo di amici dove andranno?

Il Governatore Crocetta rinuncia a ripresentarsi. Moltissimi siciliani saranno contenti

Lui e la sua corrente  hanno goduto di privilegi importanti in questi anni

Tra portaborse e consulenti oltre 50 “amici” hanno avuto posti alla Regione e anche ben pagati

 DA LIVE SICILIA

Finalmente te ne vai. Non sarai mai più presidente di niente, dal 5 novembre in poi, nemmeno di una bocciofila, nemmeno di una onlus per gli orsacchiotti orfani. Nessuno ti affiderebbe mai alcunché – neanche un condominio, neppure il suo cane – dopo avere visto lo sfascio realizzato in Sicilia, con una classe – dobbiamo riconoscerlo – da campione del mondo degli sfascisti in politica.

Sia detto a tua maggiore gloria, non era facile fare peggio, aggiungere un’altra tacca in basso, dopo il Cuffarismo e il Lombardismo, con le loro clientele, i loro cerchi magici autoreferenziali e quel governare come se non ci fossi un domani. Eppure, tu ci sei riuscito. E te ne andrai, salutato dal rancore e dall’indifferenza di tanti, regalandoci la memoria di una lunga scia di imposture.

‘Governicchi’ che si sono susseguiti, senza cambiare niente, anzi, mandando in malora tutto. Assessori via via più improbabili. Non un problema risolto che fosse uno. In compenso, la retorica profusa a piene mani: le affermazioni sconclusionate nel salottino dell’adorante Giletti, l’antimafia ridotta a vessillo sbrindellato di vanità personali, la rivoluzione rivenduta come un elisir per gonzi.

Adesso è tutto finito: te ne andrai. Certamente, non gratis. Qualcosa deve pur dartela Matteo Renzi – un rottamatore assai esperto nell’arte ammuffita del compromesso, sempre di politica si parla – per toglierti politicamente di mezzo, affinché lo zerovirgola che prenderesti, se mai avessi l’orgoglio folle di ricandidarti, non renda ancora più cocente la meritata sconfitta elettorale del centrosinistra

E tu l’opportunità l’hai colta magistralmente al volo, altro che orgoglio, altro che follia. Nei conti e nei ricavi sei un maestro. Sai che nessuno ti voterà mai più e stai agitando il minuscolo spauracchio di te, per ottenere la massima puntata al bancone delle convenienze. Rinunci, per restare aggrappato al sistema, in una redditizia poltroncina di seconda fila.

Perché – diciamocelo in confidenza, Saro – a te, della Sicilia, dei siciliani, della fame, della sete, del lavoro (che non c’è), della speranza (che fatalmente declina) non te ne è mai fregato molto. Vuoi soprattutto una postazione di sicurezza per te e per i tuoi. Nei contesti normali, chi agisce con una tale catastrofe di risultati, viene accompagnato alla porta, senza gentilezza. Tu vivi sull’Olimpo della casta, che è altra cosa, lontana e dissimile dai lamenti dei poveri mortali di quaggiù.
Infatti, sarai salvato, un posticino e al sole te lo troveranno, per quella rinuncia che stai contrabbandando – ecco l’ultima impostura – alla stregua di un atto di eroismo, quando è appena un atto di necessità e di sopravvivenza.

 

Fonte : Live Sicilia

Il circolaccio

Marlon Brando

Lascia un commento

Next Post

La cassazione sul caso Denise demolisce anni di indagini e processi: "solo indizi e nessuna prova"

Mar Set 5 , 2017
    La suprema Corte “boccia” anni di lavoro investigativo e di processi sul caso Denise che rimane senza colpevoli Solo qualche indizio ma nessuna prova, del coinvolgimento nel sequestro della piccola Denise Pipitone, a carico della sorellastra Jessica Pulizzi. Lo sottolinea la Cassazione nelle motivazioni di conferma del proscioglimento […]