L’ antimafia, un potere politico che ha fatto più danni allo stato di diritto che ai delinquenti

Non è difficile da individuare: se è fatta di passerelle, abusi carcerari, occulta i politici di sinistra che hanno pendenze giudiziarie, fa patti taciti con i pentiti mentitori, allora non è certo buona. Per combattere la criminalità organizzata serve un lavoro duro, difficile e lontano dalle telecamere. 

Quella strategia di foraggiare la produzione di libri e sostenere giornali per rafforzare un potere basandosi sul fango e sospetto. Stranamente nessuno di loro scrive libri su Crocetta , la Saguto e il suo potere

Questa antimafia di potere, non perdona. Guia a toccare i loro interessi. Ti distruggono. e, paradossalmente, come mentalità mafiosa insegna, non  perdonano e non dimenticano. Per lo Stato di diritto è un errore della democrazia. Purtroppo, questo potere è stato sostenuto da diverse procure.

Libri, spesso pieni di inesatte e fatti per attaccare bersagli scomodi a loro, manifestazioni, soldi e ancora non conosciamo la verità sulle stragi e sulla latitanza di Messina Denaro. Tritano sempre la stessa carne. Forse pensano che, Messina Denaro è scemo e si fa aiutare da gente pluripregiudicata e conosciuta dalle forze dell’ordine. Come dice una ns lettrice: “Lo cercano per non trovarlo”. La sua latitanza permette al sistema antimafia di vivere con forza e fottere anche innocenti

L’antimafia è tante cose. È il lavoro di polizia e giudiziario, duro e spesso pericoloso, che in silenzio e negli uffici, non nel chiasso e dai palchi dell’informazione embedded in Procura, funzionari scrupolosi conducono a contrasto dell’illegalità e per l’applicazione delle leggi dello Stato. Noi siamo con chi lavora senza cercare ribalte o appoggi politici ed è concreto nell’agire e che non teme di attaccare con prove il potere occulto che sta anche dentro le stesse istituzioni e che vuole che questa terra non cambi mai. La mafia non si combatte con le sceneggiate o con libri privi di verità.

Borsellino, Falcone, Don Puglisi, il capitano Basile, il Generale Dalla Chiesa non facevano politica e non amavano l’abuso mediatico

Ma l’antimafia non è solo questo. L’antimafia è, appunto, anche la militanza spettacolare e retorica di certe star togate. L’antimafia è anche l’instaurazione e la difesa ferrea di un sistema che ha sempre ragione e che cerca di infangare sempre chi è contro le loro attività furbe.

L’antimafia è anche la pretesa che un vecchio demente divorato dalle metastasi debba per forza morire in prigione, e che il potere pubblico dimostri la sua forza rivendicando il merito di averlo portato fuori da lì chiuso in una cassa. L’antimafia è anche la conferenza stampa a margine del rastrellamento di trecentocinquanta persone che inaugura la “rivoluzione” con cui si smontano pezzi di paese come giocattoli. L’antimafia è anche la requisitoria impunita contro il cinico mercante di morte, e la carriera fatta su quello scempio.

L’antimafia è anche il sodalizio tra il pentito mentitore e il pubblico ministero che fa spallucce se gli si ricorda che lo spione ha inguaiato tanta gente che non c’entrava nulla. L’antimafia è anche il maschio alfa del giustizialismo incorrotto secondo cui un po’ di innocenza in galera è dopotutto fisiologica e il sovraffollamento delle carceri è un finto problema, perché basta costruirne ancora – un ospedale, un carcere; un asilo, un carcere; una biblioteca, un carcere – così siamo tutti più sicuri e anziché solo tre innocenti al giorno possiamo sbatterne dentro a piacere, senza dover ascoltare questi rompiscatole dei garantisti.

L’antimafia è anche la magistratura che celebra i loro amici giornalisti che fanno passare solo la tesi dell’accusa. PM e stampa armi da combattimento mediatico

Quest’altra antimafia è ciò di cui non dovrebbe menare vanto nessun sistema civile, nessun ordinamento democratico, nessuna società appena evoluta. Ma è invece l’antimafia trionfante: quella che, mentre ha fatto assai poco male alla mafia, molto ne ha arrecato a quel che si direbbe, se ancora la dicitura avesse un senso qui da noi, lo Stato di diritto.

Fonte: Linkiesta

condividi su:

Next Post

Rinvio a giudizio Borrometi. Fava "Primo passo per restituire onorabilità a Commissione Antimafia"

Dom Set 11 , 2022
“Il rinvio a giudizio di Paolo Borrometi per diffamazione neiconfronti della Commissione antimafia dell’Assemblea RegionaleSiciliana è un primo, dovuto passo per restituire onorabilità allanostra Commissione, al lavoro svolto e allo scrupolo con cui abbiamosempre operato.” Lo ha dichiarato Claudio Fava, già presidente della stessa Commissione